Home Rassegna stampa - Prime Pagine dei Quotidiani Sportivi In vista di Parma rientra il capitano, Mazzarri deve scegliere chi lasciare...

In vista di Parma rientra il capitano, Mazzarri deve scegliere chi lasciare fuori in difesa

 

 

CLICCA QUI PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SUL TUO NAPOLI!

 

Il Napoli pensa già alla trasferta di Parma dove Mazzarri deve sciogliere alcuni nodi di formazione. Primo tra tutti quello che riguarda la difesa, dove l’infortunio che Gamberini patito a Firenze sembra essere meno grave del previsto e dove per forza di cose rientrerà il capitano. Anche a centrocampo e in attacco il tecnico toscano dovrà operare delle scelte.  Ruolo per ruolo, il ‘Corriere dello Sport’ riporta le ultime da Castelvolturno.

DIFESA – Scommetteteci pure: rientra Paolo Cannavaro, e lo farà ad un mese e dieci giorni dalla sua ultima in campionato (con il Bologna) e lo farà nella «sua» Parma. L’allenamento del martedì serve a poco, scarico per chi s’è affaticato, partitella a campetto ridotto cinque contro cinque, e però qualcosa s’intuisce, scoprendo che Gamberini ha fatto tanto ma non ha fatto tutto e dunque… Va a finire che si entrerà nel limbo, ad un certo punto, con due interrogativi: Campagnaro o Gamberini a destra? Britos o Gamberini a sinistra? L’ultimo Campagnaro dà affidamento, non s’è lasciato distrarre dall’Inter; e Britos è in crescita: però pure quel Gamberini è assolutamente affidabile e non sarà facile doversi districare, verso Parma. Ipotesi d’un inizio settimana fondato semplicemente sulle condizioni non ancora soddisfacenti dell’ex viola: Campagnaro resta al suo posto, Cannavaro torna al proprio e Britos viene restituito alla sua naturale vocazione di mancino difensivo.

IN MEZZO – Non c’è poi tanta ressa, perché pure qua trionfano le gerarchie garantite da un girone e passa: Maggio è in salute, non esiste l’esigenza di farlo respirare, e rimane a dettare il ritmo sulla corsia di destra; così a sinistra, dove Zuniga è in vantaggio su Armero, che però sta procedendo nel processo di integrazione tattica: non essendoci Behrami, la zona centrale viene ceduta di diritto a Dzemali, che giocherà al fianco di Inler e tornerà a formare quella che, inizialmente, almeno così pareva, sembrava dovesse formare il tandem di medianoni d’interdizione e di fosforo. La squalifica di Behrami trascina Donadel nel ruolo di primo cambio, eventualmente: la stima di Mazzarri nei confronti dell’interditore è solida e il biondo si propone come alternativa.

IN ATTACCO – Nessun problema, però Pandev sente l’alito di Insigne sul collo, come già successo nella fase ascendente del campionato: gli intoccabili, comunque, sembrano per il momento tutti e tre i tenori, il valore aggiunto d’una formazione che conta molto sulla propria trazione anteriore. Ma alle spalle del terzetto, c’è la solidità di Insigne e anche la felicità di Calaiò, che domenica a Firenze ha riscoperto il piacere della maglia (azzurra) numero nove e che entra di diritto in competizione con Insigne per potersi proporre nel caso serva. Però, si ricomincia da quei tre: al martedì, così è, se vi pare….

 

A.I.


Napolicalciolive.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici qui!