Home Rassegna stampa - Prime Pagine dei Quotidiani Sportivi Gianello: “Ho fatto ricorso pensando a De Laurentiis e ai tifosi azzurri....

Gianello: “Ho fatto ricorso pensando a De Laurentiis e ai tifosi azzurri. Dedico la sentenza a chi…”

 

 

 

CLICCA QUI PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SUL TUO NAPOLI!

 

Matteo Gianello ha rilasciato un’intervista al quotidiano ‘Il Mattino’. Ecco le sue dichiarazioni.

 

«Mi hanno descritto come un bandito, un delinquente. Come uno abituato a vivere nell’illegalità. Non era vero nulla. È ora c’è una sentenza che lo dice che io non ho mai tentato di combinare un match». La sentenza di due giorni fa restituisce il sorriso anche a Matteo Gianello, il grande accusatore.

 

Come si sente?
«Per me è la fine di un incubo. C’è chi dice di non aver dormito per un mese, io sono 15 mesi che la notte mi sveglio da innocente travolto da una cosa più grande di me. Da cui oggi esco pulito».

 

Non proprio: era un tesserato e non poteva parlare di scommesse?
«È per questo pago giustamente e non faccio neppure ricorso al Tnas: giusto che io venga punito per la mia faciloneria. Ma non ho mai messo in atto nessun illecito, non ho mai creduto di poter combinare una partita. Tantomeno una partita del mio Napoli».

 

Ora può andare in giro di nuovo a testa alta?
«L’ho sempre fatto, mi creda. Eppure c’è stato un momento, orribile, dopo la condanna a 3 anni e 3 mesi in cui mi sono sentito davvero messo in un angolo: c’era chi non aveva capito che io non avevo fatto proprio nulla, né confessato né inguaiato i miei ex compagni».

 

Cosa voleva fare?
«Per qualche ora ho pensato di non far ricorso. Mi dicevo: pensano che io sia delinquente, vogliono risarcimenti milionari? Bene, mi tengo la squalifica per tentato illecito, non la impugno e vediamo il Napoli come fa a tirarsi fuori».

 

Poi che cosa è successo?«Gli innocenti, quelli come me, sono brave persone. Ho pensato al presidente De Laurentiis, una persona eccezionale e ai tantissimi tifosi del Napoli che ho conosciuto in sette anni. Ho chiamato l’avvocato Chiacchio, il grande artefice di questa sentenza ribaltata, e abbiamo fatto ricorso».

 

Come vive adesso?
«Aiuto alcuni amici ad allenare i bambini delle scuole calcio».

 

Si immagina già i commenti?
«Sì, proprio Gianello che fa l’educatore? Invece posso insegnare ai ragazzini tante cose. Anche a non fidarsi dei finti amici, di quelli che ti sono vicini solo perché sei un campione del calcio».

 

A chi dedica la sentenza? «A quel tifoso del Napoli che mi urlò per strada: ”Matteo, ma che hai combinato?”. Io replicai: guarda che i cavalli si giudicano al traguardo».

 

Il suo desiderio, ora?
«Tornare a Napoli. Ma non lo farò molto presto»

 

A.I.


Napolicalciolive.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici qui!