Home Ultime Notizie Calcio Napoli - Live News Sacchi incoraggia il Napoli: “Può rimontare la Juve, stessa autostima del mio...

Sacchi incoraggia il Napoli: “Può rimontare la Juve, stessa autostima del mio Milan”

Sacchi - Napoli
Arrigo Sacchi

Arrigo Sacchi, ex allenatore del Milan, con il quale ha vinto di tutto, incoraggia il Napoli per quanto riguarda la corsa scudetto.

Circa trent’anni fa ebbe inizio la leggenda del Milan di Sacchi. All’epoca l’allenatore aveva come avversario principale proprio il Napoli, in cui militava un certo Diego Armando Maradona. Il prossimo turno di campionato vedrà sfidarsi proprio Milan e Napoli, in un match che si preannuncia senza esclusione di colpi, con Gattuso e Sarri che stanno facendo tanto bene in questa stagione di Serie A. Intervistato da Il Mattino, l’ex ct della Nazionale Italiana di Calcio ha parlato del Napoli e di Sarri, allenatore a lui molto simile per caratteristiche e da lui stesso molto stimato. “Il Napoli può rimontare la Juve. Ma anche se ciò non accadesse, sarebbe lo stesso una stagione straordinaria. Hanno la stessa determinazione e la stessa autostima del mio Milan, una forza che ti dà solo il gioco” ha chiarito Sacchi.

Sacchi: “Sarri ha portato Napoli nel futuro”

L’ex milanista ha poi continuato il suo discorso calcistico: “Il nostro Paese è culturalmente limitato perché considera solo chi vince. Lo scudetto sarebbe un giusto premio alla bellezza e alla generosità di una squadra che non ha le stesse risorse della Juve. Comunque vada, il Napoli ha già vinto”. Poi un elogio al tecnico del Napoli: “Sarri ha portato gli azzurri nel futuro, non importa se arriverà secondo. Dobbiamo imparare a considerare la bellezza, le emozioni, lo spettacolo. Noi invece siamo convinti che il difensivismo ci dia più certezze del calcio offensivo. Pensiamo al calcio individualmente, ma se si gioca in 11 un motivo ci sarà”. Arrigo Sacchi, dunque, non nasconde, come del resto non ha mai fatto, il suo velato ‘tifo’ per i partenopei per la lotta scudetto. Ma se non dovesse accadere quello che tutti in città sperano non ne fa un dramma: la bellezza, vera essenza dello sport, conta più dei titoli.