Home Ultime Notizie Calcio Napoli - Live News Napoli Rog, la Croazia libera Mandzukic in anticipo ma non lui

Napoli Rog, la Croazia libera Mandzukic in anticipo ma non lui

Napoli Rog
Marko Rog © Getty Images

Marko Rog non figura nell’elenco dei calciatori convocati dal commissario tecnico della Croazia, Zlatko Dalic, che verranno rimandati in anticipo ai rispettivi club di appartenenza. Il centrocampista del Napoli ha assistito questa notte dalla panchina al match che la sua squadra ha perso in amichevole negli Stati Uniti, a Miami. I balcanici sono stati sconfitti per 2-0 e nella formazione iniziale dei biancorossi figurava tra gli altri lo juventino Mario Mandzukic. Che invece è già in viaggio verso l’Italia ed usufruirà anche del giorno libero concesso dai bianconeri ai propri tesserati rimasti ad allenarsi a Vinovo. In questo modo Mandzukic sarà abile ed arruolabile al massimo delle energie per Juve-Milan di sabato sera. Lo stesso Dalic ha rivelato che alcune società aveva inoltrato una esplicita richiesta alla federcalcio croata. “Dei club ci hanno chiesto di lasciar partire in anticipo i loro giocatori, e noi li accontenteremo. Non dirò di chi si tratta, ma se con il Perù ho schierato i titolari, contro il Messico in Texas martedì farò altre scelte. Schiererò nella formazione iniziale quegli elementi che sono stati impiegati di meno”.

Napoli Rog, l’azzurro non verrà liberato in anticipo

Rog
Rog © Getty Images

Tra questi figura proprio Rog. Il 22enne di Varazdin rimarrà con la propria selezione e presumibilmente scenderà in campo fra tre giorni. Con il Napoli è stato impiegato poco, anche se con una certa continuità. Maurizio Sarri lo sta includendo spesso nel novero dei tre cambi da effettuare in partita. Ad eccezione delle partite consecutive contro Cagliari e Roma, Rog è sempre sceso in campo dallo scorso 29 dicembre. In quella circostanza il Napoli vinse con il Crotone. Ed il croato, pur avendo comunque racimolato soltanto pochissimi minuti ogni volta, sta portando avanti comunque un certo percorso di crescita. Segno che Sarri crede in lui, dopo le ottime potenzialità già espresse nel corso della passata stagione.