Home Rubriche Napoli-Parma come Benevento-Milan: debutto da incubo per Gattuso

Napoli-Parma come Benevento-Milan: debutto da incubo per Gattuso

CONDIVIDI

Debutto da incubo per Gattuso sulla panchina del Napoli. Recupero di nuovo fatale e la mente corre al goal di Brignoli in Benevento-Milan.

Due anni dopo è di nuovo un debutto da incubo per Gennaro Gattuso. Napoli-Parma, seppure con qualche differenza, è sembrato un brutto déjà vu rispetto a Benevento-Milan quando alla prima sulla panchina rossonera Gattuso subì la rimonta dei sanniti che allora strapparono un insperato pareggio in pieno recupero grazie al colpo di testa del portiere Brignoli.

Fabian Ruiz dopo Napoli-Parma
Fabian Ruiz dopo Napoli-Parma (Getty Images)

Gervinho come Brignoli: debutto da incubo per Gattuso

Era il 4 dicembre 2017 quando Gattuso, subentrato al posto di Montella sulla panchina del Milan, viveva uno dei pomeriggi più incredibili degli ultimi anni. I rossoneri, dopo essere passati due volte in vantaggio con i goal di Bonaventura e Kalinic, si fecero agguantare sull’ultima azione del match regalando a Brignoli un pomeriggio da raccontare ai nipotini. Stavolta è andata se possibile perfino peggio a Gattuso dato che il suo Napoli ha addirittura perso la partita contro il Parma ma anche stavolta al tecnico sono stati fatali gli ultimissimi minuti e in modo abbastanza rocambolesco. Il goal di Gervinho infatti è arrivato in contropiede al minuto 93′ su calcio d’angolo a favore del Napoli con la squadra tutta sbilanciata in avanti alla ricerca di una vittoria che avrebbe scacciato i nuvoloni scuri sopra il ‘San Paolo’ almeno per una notte.

LEGGI ANCHE – Napoli-Parma, sconfitta alla prima per Gattuso

La speranza del Napoli è che Gattuso riesca presto ad invertire la rotta dato che al Milan, compreso il rocambolesco pareggio di Benevento, raccolse solo 5 punti nelle prime 5 partite da allenatore. Un bottino che sicuramente non basterebbe per rientrare nel giro Champions. In tal senso potrebbe sicuramente aiutare la pausa natalizia durante cui Gattuso dovrà lavorare molto per mettere ordine e restituire tranquillità a una squadra sempre più impaurita e sommersa dai fischi del ‘San Paolo’.