Home Rassegna stampa - Prime Pagine dei Quotidiani Sportivi GAZZETTA – Ecco che cosa si son detti Maggiani e Rizzoli

GAZZETTA – Ecco che cosa si son detti Maggiani e Rizzoli

 

 

CLICCA QUI PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SUL TUO NAPOLI!

 

Nel momento in cui Bergessio sigla il gol, l’assistente di linea Maggiani non alza la bandierina del fuorigioco, anzi, corre verso il centrocampo; lo stesso Gervasoni convalida il gol. E allora che succede? Succede che Maggiani d’improvviso si blocca, non si fida più del suo istinto e inizia a chiedere conferma a Rizzoli; nel frattempo i calciatori della Juve ne approfittano per ‘intercedere’ dalla panchina: Pepe è il più attivo di tutti nelle proteste. Come riferisce la ‘Gazzetta dello Sport’, Maggiani è «vittima » dei suoi dubbi, va in confusione sul secondo tocco dopo il cross, quello di Lodi. “Se c’è, allora Bergessio è in fuorigioco…”. E’ questo che pensa ed è questo che lo induce a bloccarsi. Con scrupolo chiede a Rizzoli la conferma sull’autore del tocco. E qui dobbiamo aprire una parentesi sui compiti del giudice di porta: non ha nessuna responsabilità sul fuorigioco che è di esclusiva competenza del guardalinee. Tra l’altro sarebbe folle che una persona piazzata dietro la porta possa in qualche modo valutare una cosa complicatissima come l’offside. Semmai il giudice di porta ha liberato gli assistenti da altri compiti proprio per facilitare le loro valutazioni sul fuorigioco. Non è il nostro caso. “Chi ha toccato a centro area? E’ stato Spolli“. Domanda Maggiani in pieno dubbio amletico. E Rizzoli risponde: “Spolli prima, poi ancora un giocatore del Catania”. “Bene, allora è fuorigioco. Bergessio è in fuorigioco”. Maggiani chiude il cerchio e i 44’’ dando la sentenza a Gervasoni, rimasto accanto a lui in attesa del giudizio. Questo è quanto. L’assistente non si è fidato del suo istinto: aveva già deciso per il fuorigioco quando ha interpellato Rizzoli. Voleva solo la conferma del tocco di Lodi e non di uno juventino. Cambiare idea non è una rarità. Sabato in Padova-Bari l’assistente Schenone aveva impiegato più o meno lo stesso tempo per dare e poi annullare un gol al Bari. Con una differenza: il cambio aveva portato alla scelta giusta.

 

A.I.


Napolicalciolive.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici qui!