Home Le Rubriche di napolicalciolive.com IL RECORD – Reina contro il Lipsia per raggiungere un primato: intanto...

IL RECORD – Reina contro il Lipsia per raggiungere un primato: intanto Sepe scalpita

sepe
Luigi Sepe ©Getty Images

Manca poco alla sfida col Lipsia in programma domani sera al San Paolo e Sarri sta sciogliendo gli ultimi dubbi di formazione: in porta si giocano un posto Reina e Sepe. Il secondo portiere del Napoli cerca spazio e, dopo l’eliminazione della squadra dalla Tim Cup, l’Europa League potrebbe essere l’unica occasione per l’ex Fiorentina di trovare spazio. Il collega spagnolo, però, non sarebbe intenzionato a cedergli il posto. Reina ci tiene particolarmente a giocare in Europa e vanta anche un primato particolare: è il quarto giocatore più presente nella storia delle competizioni Uefa, 163 gare, come Clarence Seedorf. 

Reina portiere Napoli
Pepe Reina © Getty

Napoli, dubbio per Sarri contro il Lipsia: Reina o Sepe

Per Reina scendere in campo al San Paolo contro il Lipsia giovedì significherebbe staccare il talento olandese e guadagnarsi la quarta piazza. L’obiettivo del portiere del Napoli è raggiungere il podio di questa speciale classifica, occupato in due posizioni su tre da spagnoli. Al terzo posto c’è Xavi, che ora ha esattamente 10 gare in più del portiere azzurro: 173. Medaglia d’argento per Paolo Maldini con 174 e davanti a tutti Iker Casillas con 177. Riuscire ad agguantare almeno Xavi sarebbe una grande soddisfazione per Reina. Vedremo se Sarri deciderà di schierarlo domani o se preferirà concedere minutaggio a Sepe. Il portiere spagnolo in stagione non è stato sempre perfetto, nell’ultima gara contro la Lazio sul gol di De Vrij avrebbe potuto infatti fare meglio, ma le ottime prestazioni del Napoli sono spesso dipese anche dalla sue parate. La squadra di Sarri, insieme alla Juventus, gode infatti della miglior retroguardia del campionato: 15 gol subiti in 24 gare, meno di una rete subita a partita. Merito dell’allenatore, degli interpreti e anche di Reina. Contro il Lipsia gli azzurri proveranno a mantenere la porta inviolata, non concedendo così alcun eventuale vantaggio agli avversari in vista della gara di ritorno.