Home Ultime Notizie Calcio Napoli - Live News Napoli, i saluti di Meret: “Udine e SPAL sempre nel mio cuore”

Napoli, i saluti di Meret: “Udine e SPAL sempre nel mio cuore”

Alex Meret © Getty Images

 

Alex Meret è un nuovo azzurro, ma per il giovane portiere è anche il momento di salutare Udine e SPAL, le squadre che l’hanno lanciato.

È da poche ore un nuovo calciatore del Napoli a tutti gli effetti, ma Alex Meret non dimentica i primi anni da professionista. Il portierino classe 1997 ha infatti voluto salutare le due tappe fondamentali della sua carriera fin qui, le squadre che gli hanno permesso di farsi apprezzare al grande pubblico, Udinese e SPAL. “Dopo quasi undici anni lascio questi colori, questa società che mi ha fatto crescere sia come calciatore che come uomo”, scrive Meret dall’account Instagram ufficiale. “Sono stati anni bellissimi, di amicizie, di vittorie e di sconfitte, di traguardi raggiunti, di esperienze uniche!” Non solo Udine, però, visto che nelle ultime due stagioni sono state Ferrara e la SPAL ad ospitare Meret e le sue ambizioni prima di trasferirsi in azzurro nell’ultimo calciomercato. “Voglio ringraziare tutte le persone che hanno fatto parte di questo percorso e tutti i tifosi che mi hanno sostenuto! Un grazie speciale anche a Ferrara e alla SPAL che ha creduto in me e mi ha permesso di vivere due anni ricchi di soddisfazioni!” ha aggiunto il portiere. “Sono orgoglioso e onorato di aver vestito la maglia della mia terra, alla quale sono e sarò sempre legato!”

Mercato Napoli, il futuro azzurro è per Meret

La carriera di Meret, ora, passerò dall’azzurro di Napoli. Il portiere 21enne è stato scelto dall’ambizioso club di De Laurentiis per proteggere i pali della nuova squadra di Ancelotti. Una mossa importante e un peso impegnativo per un giovanissimo come lui. Meret, però, arriva in azzurro con i segni del predestinato. A guardargli le spalle ci sarà Karnezis, ma il Napoli spera di non doverne avere bisogno. Tra campionato e Champions, il giovane estremo difensore si farà conoscere agli occhi dell’Europa calcistica e potrà finalmente far vedere di che pasta è fatto dopo le tante voci degli ultimi anni.