Home Napoli News Napoli, Malcuit: “Con Ancelotti ho lavorato dal punto di vista difensivo”

Napoli, Malcuit: “Con Ancelotti ho lavorato dal punto di vista difensivo”

CONDIVIDI
Agente Malcuit
Kevin Malcuit (Getty Images)

Kevin Malcuit, terzino francese del Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di “France Football”. 

Kevin Malcuit, terzino francese del Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di “France Football” parlando, in particolar modo, delle differenze tra Ligue1 e Serie A: “Appena arrivato mi sono accorto delle differenze tattiche tra la Ligue 1 e la Serie A, ci ho messo un po’ a mettermi in riga con i compagni ma credo di aver lavorato bene. Qui si lavora molto su ogni dettaglio, non puoi permetterti errori perché gli avversari ti puniscono subito”. Poi ha aggiunto: “Con Ancelotti ho lavorato soprattutto dal punto di vista difensivo, quando hai uno dei migliori allenatori al mondo ti fidi di lui e sai che migliorerai. Mi piace molto aiutare i compagni in attacco, ma sono un terzino e devo pensare innanzitutto alla fase difensiva. Da quando sono qui sono cresciuto tanto grazie all’esperienza accumulata. In squadra ci sono tutti campioni, se devo indicare un solo compagno direi sicuramente Koulibaly, oggi è uno dei migliori nel suo ruolo”. 

Napoli, Malcuit parla della sua esperienza azzurra

Il terzino del Napoli, poi, ha aggiunto dichiarazioni interessanti sulla magia partenopea: “Quando giochi a Napoli senti il peso della maglia azzurra. Qui la gente vive di calcio, è una religione e questo amore lo sentiamo dai tifosi ogni giorno. Arrivare a questo punto non è stato facile, ma la mia carriera mi ha insegnato tanto. Sono sempre stato positivo, mi sono sempre allenato al massimo e oggi sono in uno dei migliori club europei”. Poi, infine, sulla questione Nazionale: “La Francia è un obiettivo, se sono a Napoli è anche per farmi notare dalla nazionale. Spero di poter salire sul treno della Francia, l’allenatore farà poi le sue scelte, io continuo a dare il massimo ogni volta che vado in campo”.