Home Le Rubriche di napolicalciolive.com Napoli, che fine ha fatto Diawara? Quarta panchina consecutiva in A

Napoli, che fine ha fatto Diawara? Quarta panchina consecutiva in A

Diawara Fiorentina
Amadou Diawara ©Getty Images

Prima con Sarri, poi con Ancelotti: Amadou Diawara non sembra aver conquistato appieno l’allenatore emiliano. Per lui finora soltanto 840 minuti complessivi: in campionato ha totalizzato quattro panchine consecutive. 

Amadou Diawara è uscito completamente dai radar del Napoli. Il centrocampista guineano non gioca in campionato dallo scorso 2 febbraio nella sfida vinta contro la Sampdoria. Per lui quattro panchine consecutive e nessun minuto collezionato contro Fiorentina, Torino, Parma e Juventus con Carlo Ancelotti che gli ha preferito la coppia Allan-Fabian Ruiz. Discorso un po’ diverso in Europa League con 121 minuti totalizzati nei sedicesimi di finale contro lo Zurigo tra andata e ritorno. Il Napoli cercherà di ipotecare il passaggio ai quarti già a partire da questa sera con la gara d’andata contro il Salisburgo. In campo l’allenatore emiliano manderà la miglior formazione possibile con il centrocampista azzurro, che potrebbe essere chiamato in causa soltanto nella ripresa. L’obiettivo della compagine partenopea è quello di cercare di raggiungere la finale di Baku: dopo circa trent’anni il Napoli vuole arrivare fino in fondo ad una competizione europea. Inoltre, ad inizio stagione Diawara non è mai sceso in campo in Champions League guardando così tutte le sfide degli azzurri dalla panchina. 

LEGGI ANCHE —> Napoli-Salisburgo, le probabili formazioni: le scelte di Ancelotti

Napoli, l’ex allenatore sulle qualità di Diawara

Nelle scorse settimane sono arrivate alcune considerazioni sulle qualità di Diawara dal suo ex allenatore ai tempi di Bologna, Delio Rossi, che ha svelato ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli sotto quali aspetti deve migliorare il centrocampista del Napoli: “Ha sempre avuto grande personalità. Lo prendemmo dalla Primavera e il suo fu un grande impatto. Se vuole essere titolare, deve crescere in fase di possesso palla. Deve saper guidare anche gli altri. In questo momento non ha ancora queste capacità”.