Home Rubriche Insigne a caccia della “differenza”: come uscire dal tunnel?

Insigne a caccia della “differenza”: come uscire dal tunnel?

CONDIVIDI

Il Napoli torna alla vittoria ma anche stavolta Insigne non fa la differenza: ecco la ricetta per uscire da un tunnel sempre più stretto

Il Napoli torna a sorridere, col bomber Milik, ma con un Insigne che continua a non dare prestazioni all’altezza di ciò che indubbiamente sa fare, e indubbiamente meglio di così. Il talento di Frattamaggiore contro il Verona non graffia. Qualche buono spunto, certo, qualche giocata in grado di ravvivare la manovra offensiva, ma niente che faccia la differenza come invece Insigne abitualmente fa. Tanto che Ancelotti ha optato per la sostituzione al 76′, preferendogli nel finale un più fresco Mertens, che ha poi sfiorato anche il gol. Un rendimento sicuramente non positivo per il capitano partenopeo nell’ultimo periodo, partito con l’esclusione dai convocati per la partita di Champions contro il Genk. Poi l’amara trasferta di Torino contro i granata, e sabato con il deludente match casalingo contro il Verona. Dove, se Milik è tornato a splendere, Insigne è rimasto lontano dai riflettori.

Leggi anche —> Marcatori Napoli, la cooperativa del gol: il primato di Ancelotti

Insigne, possibile esclusione con il Salisburgo

I problemi per il capitano del Napoli non finiscono qui, siccome è molto probabile che Ancelotti decida di lasciarlo fuori dagli undici titolari per la gara di Champions League contro il Salisburgo. Si tratterebbe della seconda esclusione consecutiva per il fantasista. Intanto domenica, al seguito talk show calcistico Tiki Taka, il cronista sportivo Auriemma ha aperto ad un interessante scenario in merito al rapporto tra Insigne e Ancelotti. Ha infatti affermato che “Ancelotti non voleva Insigne e lui non voleva rimanere a Napoli”. A dare ancora più pepe alla vicenda è Antonio Cassano, che rincara la dose: “La verità è che Ancelotti ha voluto Lozano perché pensava e sperava che Insigne andasse via”. Ma alla fine Insigne è rimasto e inevitabilmente è da lui che deve ripartire il Napoli: ritrovare il Magnifico visto nelle scorse gestioni tecniche, costruendo la squadra intorno a lui, è l’unica strada per ritrovare un talento di cui il Napoli ha ancora un gran bisogno.