Spalletti espulso da Massa: un video spiega bene l’equivoco tra i due

0
648

Dopo il triplice fischio di Roma-Napoli, Spalletti è stato espulso dall’arbitro Massa per un applauso interpretato negativamente.

Massa Spalletti
L’arbitro Davide Massa (Getty Images)

Non è affatto scontato assistere ad una partita in cui entrambi gli allenatori vengono espulsi: in Roma-Napoli è successo esattamente questo, con Mourinho e Spalletti a vedersi sventolare in faccia il temuto cartellino rosso. Se nel caso del portoghese il provvedimento è arrivato per le continue intemperanze in panchina, per il tecnico azzurro è giusto parlare di un vero e proprio equivoco: da questo video tratto da YouTube si evince come tra direttore di gara ed allenatore sia andato in scena un qui pro quo.

Ad indurre Davide Massa all’estrazione del cartellino è un applauso di Spalletti, interpretato secondo una natura ironica e dunque meritevole della massima sanzione. Alla visione del rosso, Spalletti si è subito giustificato sottolineando lo scopo nobile del suo gesto: “Ma ti ho detto bravo Davide!”, quando però era ormai troppo tardi per convincere Massa a tornare sui propri passi. A difesa del mister anche Alex Meret, lì presente a pochi metri: “Ma che stai facendo Massa? Ma che stai facendo?”.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Spalletti rivela il suo sogno: il messaggio a De Laurentiis

Spalletti espulso, Rocchi giustifica Massa: “Si è sentito attaccato”

Spalletti Napoli Massa
Luciano Spalletti (Getty Images)

Intervenuto sulle frequenze di ‘Radio Anch’io lo Sport’, il designatore arbitrale Gianluca Rocchi ha provato ad immedesimarsi in Massa spiegando come il suo carattere introverso abbia probabilmente giocato un ruolo decisivo nell’estrazione del cartellino rosso: “Mi trovavo a Roma, a fine gara ho parlato con entrambi gli allenatori e si sono scusati. Spalletti è toscano come me ed ha la battuta pronta, se lo avesse fatto con me lo avrei capito. Massa invece è più introverso e si è sentito attaccato. Agli arbitri abbiamo chiesto di essere educati e allo stesso tempo intransigenti, e lo stanno facendo”.