EDITORIALE – La frase di Spalletti da cui bisogna (ri)partire

0
522

Il Napoli molla di schianto quando serviva l’ultimo sprint: da Fiorentina a Roma, stavolta il famoso “albergo” è casa propria. Una frase di Spalletti riassume tutto alla perfezione

Forse è il caso di iniziare a farsene una ragione. Mollare il sogno scudetto così, alzando bandiera bianca senza neanche provarci, dà esattamente la cifra di questo gruppo.

Luciano Spalletti sconsolato
Il tecnico del Napoli Luciano Spalletti (LaPresse)

“Il livello è questo qui”

Lo ha detto anche Spalletti, che in disarmo ha ammesso che il Napoli è questo e ci si può fare poco. Il Napoli si sgancia da Milan e Inter e numeri alla mano sembra strano che non si fosse sganciato già da tempo. 30 punti su 51 in casa, addirittura 5 nelle ultime 5: una squadra che al Maradona si è letteralmente sbriciolata e si è via via attorcigliata su questa difficoltà ad esprimersi di fronte al proprio pubblico.

Dall’albergo di Firenze a Napoli-Verona: il copione è sempre lo stesso

Napoli sconsolato
La squadra del Napoli sconsolata (LaPresse)

Ma il copione, da anni ormai, è sempre lo stesso: al momento topico il Napoli si incarta e poi molla, di schianto, come se non riuscisse mai a fare l’ultimo step qualunque sia l’obiettivo. Parlare di problema caratteriale è un po’ sparare nel mucchio, forse basta semplicemente sottolineare che i leader tecnici di questa squadra sono leader quando tutto va bene ma poi, quando il gioco si fa duro, iniziano sempre a giocare gli altri. E poi certo, le colpe di Spalletti soprattutto nei cambi e quelle della società specialmente in un mercato, quello di gennaio, praticamente inesistente.

Si vince e si perde tutti insieme

Come sempre si vince e si perde tutti insieme. Una frase che bisognerebbe scolpire nella pietra per ricordarsela ogni volta. Insieme si trionfa e insieme si fallisce. Quello di quest’anno è un fallimento? Lì poi diventa questione di punti di vista. Il Napoli ha sognato lo scudetto ma alla fine, salvo tracolli impensabili, sta portando a casa l’obiettivo iniziale, quello della qualificazione Champions. Per come è maturata la stagione resterà una grossa delusione, ma forse, alla fine della corsa, per qualcuno potrà sembrare comunque una vittoria.