Home Calciomercato Napoli - Ultimi Scoop di mercato E ora il “nuovo Pocho” potrebbe davvero essere Jo-Jo

E ora il “nuovo Pocho” potrebbe davvero essere Jo-Jo

 

Il riassunto delle puntate precedenti è un romanzone in più puntate che va dove lo porta il cuore: e la prima volta in cui Jovetic finì per “tradire” De Laurentiis, fu circa un anno fa: “Che giocatore!”. Così, d’istinto, tanto per scuotere i cronisti, indurli in tentazione: ma vuoi vedere che…? Eccolo là il nuovo Lavezzi, è tutto in quel fosforo che si percepisce a distanza, nella capacità di saltare l’uomo ed infiammar le masse, nella rapidità d’ezecuzione e infine (infine?) nell’istinto del killer: Jovetic, eh sì, sbocciò dal nulla, nel contesto d’una chiacchierata con i taccuini aperti nell’estate del 2011 e da quel momento è rimasto il pensiero fisso di De Laurentiis, che non s’è mai smentito, manco alla vigilia di Fiorentina-Napoli, febbraio 2012, quando a domanda ha risposto: “Se non fossi rispettoso nei confronti di Della Valle, sarei a rompere le scatole, cercando di portarglielo via. E’ uno splendido talento”.

 

ADIEU POCHO – Quel che resta di Lavezzi, oramai, è il ricordo d’un quinquennio stellare, avviato da matricola e chiuso con la seconda qualificazione in Europa League, un passaggio da protagonista in Champions, un terzo posto in campionato (con vista prolungata sullo scudetto), emozioni per cuori forti: ma ora è fatta, c’è pure la firma, c’è un accordo che verrà reso pubblico all’apertura del mercato francese e c’è pure la fidanzata di Javier Pastore che dà il benvenuto al Psg ed a Parigi al pocho e alla sua Janina. Manca lo spumante (o lo champagne, fate voi) per un affare d’una trentina di milioni di euro (bonus compresi, con dentro pure un’amichevole) e un quadriennale da quattro milioni di euro per quel puledro di razza che ha trascinato Napoli.

 

CERCASI “NUOVO POCHO” – L’eredità è un fardello pesante, da affidare a spalle larghe oppure a cervelli (e piedi) fini: quelli di Stevan Jovetic hanno incantato Aurelio De Laurentiis in epoche non sospette e poi, su sollecitazioni inevitabili, l’hanno spinto di recente a riconfermare la stima incondizionata in quel fenoemno autentico, il tenore perfetto da affiancare a Cavani, ad Hamsik e a Pandev, per aiutare a maturare Vargas ed Insigne. E dunque, ricapitoliamo, perchè poi tra le righe bisogna andarci a leggere, per capire che bastarebbe un input: storia di qualche giorno fa, quando il mercato stava per decollare, con le valigie di Lavezzi già pronte e la caccia al mister X ovviamente avviata: “Jovetic gioca nella Fiorentina del mio amico Diego Della Valle: e voi ditemi perchè mai devo rompergli le scatole, se lui non ha intenzione di venderlo? Ma se invece Diego dovesse chiamarmi e dirmi: guarda, ora sono nella condizione di cederlo, allora sì, a quel punto lo ringrazierei per la cortesia e… Ma questo non è ancora avvenuto e quindi non si deve parlar di Jovetic”. Non era ancora avvenuto, già… A quel tempo…

 

Fonte: Corriere dello Sport

 

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SUL TUO NAPOLI? AGGIUNGI NAPOLICALCIOLIVE ANCHE SU FACEBOOK!