Home Altre News Cronaca Formazione Napoli: unico dubbio in difesa. Cannavaro vede Francini…

Formazione Napoli: unico dubbio in difesa. Cannavaro vede Francini…

 

CLICCA QUI PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SUL TUO NAPOLI!

 

La canticchiano così, (quasi) tutta d’un fiato, come s’usava una volta, quando si snocciolavano dall’uno all’undici; come se fosse una cantilena o, meglio ancora, come se fosse una filastrocca…La sussurranno con le pause giuste, e stavolta per settori, portiere e poi
difensori- centrocampisti-trequartista-attaccanti, come se fosse una ninnananna, la colonna sonora per quella febbre del sabato sera che già avvolge, e come, e quanto….
TITOLARISSIMI – De Sanctis…Campagnaro-Cannavaro-Gamberini…Maggio-Inler-Behrami-Zuniga…Hamsik…Pandev-Cavani!
Squadra che vince non si sfiora neppure con un pensiero e in quell’atmosfera che introduce al d-day, pure l’unico e ormai quasi risolto dilemma (Gamberini o Aronica?) finisce per essere fagocitato dalle certezze delle statistiche che imperversano e che, imperanti, declamano i titolarissimi dell’ultima era, la formazione tenuta incollata dai precedenti che tràcimano dalle recentissime convinzioni. Tutto cominciò con la Lazio, un mercoledì sera, e non ci fosse stata la squalifica di Cannavaro, non sarebbe più cambiata, almeno non con l’Udinese, quando dalla panchina s’alzò invece Fernandez per prendersi il ruolo di titolare.
IL MODULO – Poi si potrà disquisire sui numeri, sulla disposizione, sulla strategia tattica, sulla versatilità (soprattutto) di Hamsik, che in teoria sarebbe un centrocampista e che in realtà farà il trequartista, la scheggia impazzita che se ne sta tra le linee, l’ombra di Pirlo in fase di non possesso, l’incursore quando invece il Napoli attacca: 3-5-2 con divagazione sul tema che diviene 3-4-1-2, però senza alcuna concessione, perché ci sono partite in cui è vietato distrarsi.
RIENTRA – E’ la sfida che avvince, il kolossal calcistico di questa fase del Terzo Millennio che Paolo Cannavaro va a vivere da capitano e da bandiera, la 248esima presenza che avvicina ulteriormente al sedicesimo posto di Francini ora distante appena 180 minuti, nella classifica degli azzurrissimi di tutti i tempi: lo stop con l’Udinese ha costretto ai lavori forzati in precedenza, obbligandolo a giocare ad Eindhoven la sua quarta partita in due settimane, ma gli ha permesso di tirare il fiato e scaldarsi per la «Vecchia Signora».
IMPENETRABILE – Le nuove gerarchie sono recentissime, un po’ figlie del caso (l’infortunio di Britos, il centrale di sinistra destinato alla maglia dal primo minuto) e un po’ germogliate lì in campo: la coppia di medianoni per la fase d’interdizione e di
costruzione, sulla carta (e innanzitutto su quella) sembrava dovesse essere 21 of 193 Dzemaili-Inler, poi Behrami ci ha messo la corsa, l’agonismo e s’è messo a strappar palloni ovunque. Ribaltone inevitabile, fuori uno svizzero e dentro un altro. Ma sette domeniche hanno detto anche altro: tre trasferte – Palermo, Catania e Marassi doriana – per ritrovarsi senza un gol alle spalle, una solidità difensiva che in Italia non ha eguali e che rappresenta la novità più rilevante rispetto al passato.
CONTINUITA’ – E’ facilissimo poi declamarla in quel modo, recitando la strofa mandata a memoria: perché il Napoli di adesso è per gran parte erede di quello di ieri e dell’altro ieri. Due le facce nuove, rispetto alla passata stagione, e sono Gamberini e Behrami: poi, da De Sanctis a Cavani, e passando per Inler, si va da un minimo di due stagioni d’azzurro ad un massimo di otto (compreso quello del…secolo scorso), ch’è collezionato da Cannavaro. A loro la Juventus, ai titolarissimi.

Fonte: Corriere dello Sport