ESCLUSIVA – Andreotti, agente Insigne: “Spero che Insigne diventi protagonista con il Napoli, altrimenti troveremo una soluzione”

di Simone Scala

Lorenzo Insigne sta vivendo uno dei suoi periodi migliori: prima con gli Europei under-21 persi in finale contro la Spagna, poi in ritiro con il Napoli e con un allenatore che ha già mostrato una certa propensione nei suoi confronti. Intanto il fratello Roberto è ufficialmente un giocatore del Perugia. La redazione di Napolicalciolive.com ha contattato in esclusiva Fabio Andreotti, agente dei due Insigne.

 

Dopo l’arrivo di Mertens e Callejon, come sta vivendo il ritiro Lorenzo Insigne?

E’ un momento importante per lui, lo sta vivendo benissimo, cercando di dare il massimo e farsi apprezzare dal tecnico. Quest’anno è molto importante, speriamo che si consacri in Serie A e diventare uno dei giocatori importanti del Napoli come Hamsik, Callejon e Mertens. Mi auguro che possa avere la possibilità di esprimersi, il prossimo anno ci saranno i Mondiali e lui ha sempre avuto una certa stima nei confronti di Prandelli e quindi si spera che possa arrivare una convocazione.”

Gli acquisti di Callejon e Mertens, secondo lei, servono per sostituire Lorenzo o per rafforzare la rosa avendo tre competizioni da giocare?

E’ una domanda che dovremmo fare a Benitez tenendo conto di quale idea si è fatta su di lui. Io penso che Lorenzo avrà un ruolo da protagonista, male che vada, facendo i dovuti scongiuri, accetteremo le decisioni dell’allenatore. Però se arrivassimo a questo punto l’obiettivo sarebbe di andare a giocare altrove per crescere.”

Qual è il rapporto che lega Benitez e Lorenzo?

“Benitez è spagnolo, quindi è un tipo molto caliente e gentile, come i napoletani. Poi con grande stile e intelligenza è entrato subito nei cuori dei tifosi e anche  nel cuore di Lorenzo.”

Invece con Prandelli?

Quando gli sono state fatte delle domande su Lorenzo, ha dato sempre risposte importanti. Spesso si sentono. Però il ct lo ha convocato con il Malta, per le qualificazioni e  Lorenzo è entrato nel secondo tempo e fece molto bene. Lo ha trovato in forma anche durante gli europei Under 21. Quindi Prandelli ha una stima importante verso Lorenzo e tutto questo fa pensare che c’è la possibilità di giocarsi la carta convocazione ai Mondiali, ma ovviamente tutto questo sarà frutto di un’annata da protagonista. Tutto è legato a cosa succederà quest’anno.”

Secondo lei, chi sarà il sostituto di Cavani?

I nomi che vedo sui quotidiani sono importanti. Mi sarebbe piaciuto Dzeko e non mi dispiacerebbe se arrivasse Higuaìn. Da non sottovalutare nemmeno l’attaccante brasiliano Damiao. Però Dzeko non sarebbe stato male ma Higuaìn non è da meno.”

Invece su Roberto Insigne, è ufficiale l’arrivo a Perugia?

Si, proprio lunedì mattina ha firmato il contratto.”

Come mai ha rifiutato offerte da club di B?

In effetti Roberto è un ragazzo predestinato ad essere un calciatore del Napoli. Fare una crescita precoce non è sempre positivo. Perugia è una piazza importantissima, dove c’è un allenatore che stimiamo molto nonostante sia un novellino della categoria, ovvero Cristiano Lucarelli. Pensiamo di aver portato Roberto in un’ambiente ideale, considerando che la piazza di Perugia fa rivivere le emozioni di Napoli. Roberto sta facendo lo stesso percorso del fratello, perchè Lorenzo iniziò a Cava, poi a Foggia e infine a Pescara.”

 

RIPRODUZIONE RISERVATA