Home Rubriche C”a capa dint”o pallone – ‘A rumba d”o scugnizzo

C”a capa dint”o pallone – ‘A rumba d”o scugnizzo

CONDIVIDI

Cu-a-capa-dinto-pallone

 

Ca s’abballa a tutte pizze: Spagna, Inghilterra, Italia; manco ‘o tiempo ‘e ce godè ‘a fine d”o Campionato in santa pace ca ll’unico argomento ‘e conversazzione addeventa ‘o mercato, cu ‘a girandola soja ‘e chi resta e chi ‘mmece se ne parte ‘a Napule. Nu Walter… ehm, nu Walzer infinito fatto ‘e parole a vviento, spiffere, indiscrezzione, voce ‘e notte e quacche sparuta cunferma. Ca pò, a proposito ‘e Walter, Gargano nun se sape ancora che fine fa, accussì comme a Camillo (mo t”e ccoglio e mo t”e vvenno!) Zúñiga, ‘o prediletto ‘e chill’atu Wate… ehm, ‘e chill’atu Walter ca oramai se ne mette sulo cravatte a strisce nere e azzurre. Però ‘o Walzer, anzi ‘a rumba ca cchiù ce ‘nteressa a nnuje è chella ‘e Lorenzo Insigne, nu patrimonio cu ‘a “p” maiscuola ‘e ‘sta squadra ca però mo s’è miso forze a correre nu poco troppo assaje cu ‘a capa. Dice ca si Prandelli nun s”o porta ô Brasile, va truvanno “garanzie”, “certezze”, cchiù spazzio dint”o prugetto Benítez. Eppure aveva appena firmato ‘o rinnovo ‘e cuntratto pe ttre anne… Mo mo, a settembre! E vabbuò, so’ guagliune, ‘e guagliune correno, se sape. E allora curre curre, guagliò. Curre curre, scugnizzo. Fino a quanno nun scapizze.

 

di Domenico Ascione (Twitter: @vesuvilandia)