Home Rubriche Champions League, Napoli e lo snodo City: nove punti non bastano

Champions League, Napoli e lo snodo City: nove punti non bastano

CONDIVIDI
Sorteggi Champions © Getty Images

 

Continua il cammino del Napoli in Champions League, che il prossimo 17 ottobre vivrà uno snodo cruciale. Sarri e i suoi ragazzi saranno impegnati in casa del Manchester City, luogo dal quale mancano dal 2011, quando Cavani e Kolarov siglarono un magnifico 1-1. Era allora il Napoli di Sarri, basato sull’aggressività e la difesa. Tutt’altro il discorso oggi, con Guardiola e Sarri che fanno del possesso palla l’anima del proprio gioco. Una sfida interessante già sulla carta, che vedrà le due squadre sfidarsi due volte in quindici giorni.

Dando uno sguardo al girone, pare chiaro come il Feyenoord intenda concentrarsi sul campionato, con zero punti in due gare, una sola rete siglata, allo scadere contro il Napoli, e ben sette subite. Il Manchester City è primo a quota 6 punti, con lo Shakhtar che dovrà battere gli olandesi, facendo il tifo per la squadra di Guardiola, con il City conseguentemente a quota 9 e il Napoli al terzo posto, fermo a tre, atteso da un nuovo match contro gli inglesi.

Napoli, grande equilibrio nei gironi di Champions League

Vietato fallire le prossime due sfide dunque, per un girone che potrebbe prendere una piega spiacevole, generando non poche polemiche tra le news Napoli. Un pareggio in Inghilterra e una vittoria al ‘San Paolo’, proprio come avvenuto nel 2011, aprirebbero le porte alla qualificazione, senza escludere la possibilità di ritrovarsi al primo posto. Per ora gli azzurri sono terzi, anche se la differenza reti li vede in vantaggio rispetto allo Shakhtar. In attesa però della gara di ritorno, statisticamente gli uomini di Fonseca sono un passo avanti.

Ad oggi, dando uno sguardo ai gironi di Champions League, un Napoli al primo posto potrebbe sorteggiare una tra Basilea (pari punti con il CSKA Mosca), Bayern Monaco, Sporting (pari punti con la Juventus, favorita per il secondo posto), Liverpool (pari punti con Spartak Mosca), Porto e Real Madrid.

Dortmund nei guai, a sei punti di distanza dal secondo posto. Il Liverpool fa grande fatica, ma l’intero girone è in equilibrio, con il Siviglia in testa a quota 4. Bene la Roma, sopra di tre punti sull’Atletico, il cui eventuale fallimento eliminerebbe una temibile contendente dal novero delle avversarie degli ottavi. Equilibrio anche nel girone del Bayern che, dopo l’esonero di Ancelotti, dovrà confermarsi, tenendo a distanza il Celtic che, oggettivamente, non fa gran paura ai tedeschi.

Un Napoli secondo invece dovrebbe invece vedersela, ad oggi, con United, Psg, Chelsea, Barcellona, Siviglia, Besiktas o Tottenham. Grande equilibrio generale, per dei gironi che regaleranno molte sorprese. Il Napoli punta a collezionare 6 punti nelle ultime due, per un totale di 9. Con il Feyenoord che potrebbe rivelarsi squadra materasso però, questo bottino potrebbe non bastare.

 

Luca Incoronato @_n3ssuno_