Home I Nostri Lettori NCL RETWEET – Italia fuori dal Mondiale: da “Ventura al cantiere” a...

NCL RETWEET – Italia fuori dal Mondiale: da “Ventura al cantiere” a “Insigne infortunato (ah no, stava bene)”

Udite, udite: l’Italia non conquista l’accesso al Mondiale. In Russia la Nazionale azzurra non ci sarà. Non è bastato lo 0-0 di San Siro, fatale la sconfitta per 1-0 subita nella gara d’andata contro la Svezia. La colpa è di tutti: squadra e allenatore, le critiche del post gara sono però tutte per il ct Ventura. Su Twitter in tanti lo etichettano come peggior allenatore di sempre della Nazionale Italiana e a gran voce il “popolo” invoca le sue dimissioni. Non mancano anche gli sfottò come quello di @MaxMangione che ha espresso il suo pensiero sulla futura occupazione di Ventura durante i prossimi Mondiali.

Italia-Svezia, le reazioni social

Ventura è il bersaglio preferito di tutti i tweet inerenti alla partita. Gli italiani accusano il ct, fra le altre cose, anche di non aver schierato l’attaccante del Napoli Lorenzo Insigne. Pierluigi Pardo ironico commenta: “Peccato per l’infortunio di #Insigne. (Ah no, stava bene).#amarezza #ItaliaSvezia”. Leggerissima nota lieta è stata la prestazione dell’altro giocatore del Napoli Jorginho che alla prima presenza ufficiale con la maglia dell’Italia è riuscito a rendersi protagonista di un’ottima prestazione. Su Twitter tanti gli apprezzamenti per l’azzurro sia dai tifosi che dagli addetti ai lavori come Ivan Zazzaroni che ha scritto: “Per il momento il migliore dei nostri è quello che non ha mai giocato in Nazionale negli ultimi due anni e allora una domanda me la porrei. #Jorginho #ItaliaSvezia”. Ironia anche su come la Svezia abbia affrontato la gara di San Siro, il tweet di @NataliniPaolo è sicuramente uno dei più simpatici. Parole piccate arrivano poi da Paolo Cannavaro che sul suo profilo Instagram commenta la tragica situazione della Nazionale e Zazzaroni su Twitter riprende le sue accuse. arriva Commenti a parte, l’Italia è fuori. L’obiettivo Mondiale si è dissipato e noi siamo passati da “Beppe andiamo a Berlino” a “Beppe ce ne andiamo a mare”.