Home Rubriche IL RITORNO – Cuore, grinta e pazienza: Tonelli eroe silenzioso di questo...

IL RITORNO – Cuore, grinta e pazienza: Tonelli eroe silenzioso di questo Napoli

CONDIVIDI
Difensore Napoli
Tonelli © Getty Images

Fu acquistato nel luglio del 2016. Poi una serie lunga di infortuni lo ha tenuto fuori dal campo per molto tempo. Lorenzo Tonelli con il Napoli ha un rapporto speciale nonostante tutto. Per il suo esordio in azzurro ha dovuto attendere sei lunghi mesi, fino a quando nel gennaio del 2017 è stato chiamato a rapporto da mister Sarri nella gara contro la Sampdoria. E in quell’occasione fu anche decisivo, siglando il gol allo scadere che regalò la vittoria alla squadra campana. Poi ancora contro il Pescara mise a segno un altro gol alla sua seconda presenza consecutiva. Gol all’esordio e una gioia incontenibile, tutti si sarebbero aspettati che quello sarebbe stato l’inizio di un lungo rapporto d’amore tra il club e il calciatore. E invece no. Dopo il Pescara gli toccò giocare contro il Milan finché i problemi al ginocchio non tornarono a tormentarlo. In questa stagione è arrivata con la Lazio la sua prima presenza, a febbraio 2018, dovuta anche alle assenze degli infortunati Chiriches e Albiol. Poi un ulteriore buona prova, nonostante il risultato, contro il Lipsia in Europa League.

Napoli, Tonelli arma in più per la lotta scudetto

Adesso, come riferisce ‘Radio Marte’, Tonelli è alle prese con un affaticamento, ma è fin troppo normale quando giochi due partite in cinque giorni dopo mesi di inattività. Con lui il Napoli potrebbe ritrovarsi un’arma in più per la lotta scudetto, facendo riposare quando necessario i titolari Koulibaly e Albiol. Lo spagnolo potrebbe finalmente rientrare in campo contro la Spal, e non ha bisogno di riposare. Il senegalese, invece, non ha praticamente mai riposato in questa stagione e potrebbe farlo a breve lasciando spazio proprio all’ex Empoli. Il classe ’90 ha risposto sempre presente agli appelli di Sarri, e non ha mai deluso le aspettative facendosi trovare pronto nonostante lo scarso impiego. Insomma è un eroe di quelli che non ti accorgi ci siano: mai una polemica, mai parole fuori posto ma al contrario tanto buon umore e molta pazienza. Ed in campo solo grinta e cuore. Lorenzo Tonelli ha tutte le carte in regola per essere una bandiera di questo Napoli, nonostante tutto.