Home Rubriche Napoli-Cagliari, le probabili formazioni: Insigne ancora in dubbio, Albiol dal 1′

Napoli-Cagliari, le probabili formazioni: Insigne ancora in dubbio, Albiol dal 1′

CONDIVIDI

Gli azzurri scenderanno in campo domenica sera al San Paolo: le scelte di Ancelotti per Napoli-Cagliari

Napoli Champions matematica
Frosinone-Napoli © Getty Images

Il Napoli tornerà in campo domenica sera nel posticipo della 35esima giornata di Serie A. Gli azzurri affronteranno il Cagliari, guidato da Rolando Maran, che arriverà al San Paolo già salvo. Dopo la contestazione dei tifosi partenopei dopo la vittoria dello Stirpe con la maglia restituita a Callejon al termine della sfida, si giocherà in uno stadio vuoto soltanto con diecimila presenze. Durante le ultime gare stagionali lo stesso Carlo Ancelotti potrebbe provare la formazione del futuro cercando di valutare, inoltre, i giocatori in dubbio tra conferme e cessioni. In porta ci sarà ancora il colombiano David Ospina, pronto ad essere riscattato dall’Arsenal. In difesa spazio a Malcuit e Ghoulam sulle fasce con il ritorno dal primo minuto di Raul Albiol al fianco di Koulibaly. A centrocampo spazio ad Allan e Fabian con Callejon e Zielinski ai suoi lati. In avanti Insigne è ancora in dubbio: alle spalle di Milik agirà Dries Mertens in caso di forfait del capitano azzurro.

4-2-3-1 per Rolando Maran. Tra i pali ci sarà Cragno con la linea a quattro composta da Cacciatore, Pisacane, Ceppitelli e Pellegrini a sinistra. In mezzo al campo giocheranno Cigarini in cabina di regia con Faragò e Ionita come interni di centrocampo: alle spalle del duo Thereau-Pavoletti agirà il talento sardo Nicolò Barella, pronto a lasciare Cagliari al termine della stagione.

Napoli-Cagliari, le scelte dei due allenatori

NAPOLI (4-4-2): Ospina; Malcuit, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Callejon, Allan, Fabian, Zielinski; Mertens (Insigne), Milik. All.: Ancelotti.

CAGLIARI (4-3-2-1): Cragno; Cacciatore, Pisacane, Ceppitelli, Pellegrini; Faragò, Cigarini, Ionita; Barella, Thereau; Pavoletti. All.: Maran.

Giancarlo Colono