Home Calciomercato Napoli Calciomercato Napoli, addio Hysaj: pronto Lazzari per la fascia destra

Calciomercato Napoli, addio Hysaj: pronto Lazzari per la fascia destra

CONDIVIDI

La società partenopea vuole cambiare pelle tra chi andrà via e chi arriverà in estate

Hysaj Calciomercato Napoli
Hysaj ©Getty Images

Partenze e arrivi. In estate ci sarà una mini-rivoluzione per il Napoli soprattutto per rinforzare alcuni ruoli specifici in base all’idea di calcio di Carlo Ancelotti. Per la fascia destra potrebbe dire addio il terzino albanese, Elseid Hysaj, che non ha convinto appieno lo stesso allenatore emiliano. Le sue caratteristiche tecniche e fisiche non conciliano alla perfezione con le modalità di fase offensive del tecnico di Reggiolo, che predilige un laterale capace di diventare un vero e proprio esterno offensivo. Il nome, accostato con insistenza negli ultimi giorni, è quello di Manuel Lazzari, laterale della SPAL, autore di un’ottima prova domenica proprio contro la formazione azzurra. Il presidente De Laurentiis vorrebbe chiudere l’operazione intorno ai 15 milioni, mentre il suo collega Colombarini ne vorrebbe almeno 20. Lo stesso vice allenatore del Napoli, Davide Ancelotti, ha svelato un interessamento per il giocatore nel post-partita: “E’ un ottimo giocatore, è uno dei migliori nel fare il quinto difensore, potrebbe fare anche il terzino, basterebbe lavorarci. Ha le qualità per fare la fascia”.

Calciomercato Napoli, la crescita di Lazzari

Dalla Serie D alla Serie A in pochi anni con la stessa maglia. Manuel Lazzari, classe 1993, ha dovuto fare tanti sacrifici nel corso della sua carriera per consacrarsi definitivamente nel calcio che conta. Ora per lui si potrebbero aprire porte importanti per il definitivo salto di qualità vestendo la casacca prestigiosa del Napoli. Nei mesi scorsi lo stesso laterale della SPAL ha svelato le sue caratteristiche tecniche e fisiche ai microfoni di DAZN: “I miei punti di forza sono la corsa, il dribbling e ultimamente anche il cross. Prima ero veramente scarso, non riuscivo mai a mettere una bella palla. Magari saltavo l’uomo e poi calciavo in curva. Negli ultimi due anni mi sono concentrato di più, ho usato di più la testa, mi sono fermato di più e provando e riprovando sono migliorato”.