Home Rubriche Napoli-Liverpool, il capolavoro degli azzurri – A MENTE FREDDA

Napoli-Liverpool, il capolavoro degli azzurri – A MENTE FREDDA

Napoli-Liverpool, gli azzurri vincono e convincono al San Paolo contro i campioni d’Europa in carica. A segno Mertens e Llorente. 2-0 e primi 3 punti

Napoli-Liverpool (Getty Images)
Napoli-Liverpool (Getty Images)

L’ Europa si tinge d’azzurro, il Napoli batte il Liverpool fresco vincitore di Champions e balza al comando del suo girone eliminatorio. Grandissima prova della banda Ancelotti che riesce in una impresa che in pochi dimenticheranno. I punti nevralgici della sfida sono stati senza dubbio la grande partita dei due esterni difensivi Di Lorenzo e Mario Rui, la duttilità tattica dei centrocampisti azzurri, con un Allan ritrovato, la capacità realizzativa del fenomeno Mertens, e l’apporto determinante del subentrato Llorente. Partita straordinaria dei due terzini napoletani, che hanno dato il loro contribuito superlativo per la causa azzurra. Bravi sia in fase di contenimento che di impostazione, sono stati un vero e proprio incubo per gli attaccanti inglesi.

Napoli-Liverpool e la straordinaria prova di Mario Rui

Da rimarcare soprattutto la prova di Mario Rui, che è risultato il migliore in campo dei suoi. Buona prestazione del centrocampo partenopeo, con Fabian Ruiz bravissimo nel dare ordine alla squadra, mentre Allan è ritornato ad essere il mastino indistruttibile che tutti conosciamo, ha corso per decine di km azzanando chiunque gli passasse a tiro. Callejon è un tuttofare, dovunque lo posizioni rende sempre alla grande, e lo ha dimostrato anche ieri, calandosi al meglio anche nel ruolo di centrocampista. Partita mediocre invece di Insigne che non riesce mai a dare una sterzata positiva alla propria gara. Contributo fenomenale invece quello di Llorente che subentrato dalla panchina ha siglato la rete della tranquillità azzurra. Siamo sicuri che si ritaglierà un grande spazio in questa sua nuova esperienza napoletana. Il Napoli di Carletto vince e convince in Europa, bisognerà ora dare continuità e dinamismo a tutta la stagione.

di Ferdinando Guma