Home Altre News Cronaca Maradona sarà operato al cervello: cresce l’apprensione

Maradona sarà operato al cervello: cresce l’apprensione

CONDIVIDI

Diego Armando Maradona subirà un’operazione al cervello nelle prossime ore a causa di un ematoma al cervello: il suo amico Ceci dà qualche dettaglio sull’intervento.

Un tifoso di Maradona fuori l’ospedale di La Plata (GettyImages)

Nelle ultime ore è peggiorato il quadro clinico di Diego Armando Maradona. In verità, ora è molto più chiaro. Il Pibe de Oro dovrà sostenere un’intervento al cervello perché gli è stato diagnosticato un ematoma subdurale, dovuto ad un trauma cranico. Il coagulo del sangue dovrà essere assorbito urgentemente, prima che sia troppo tardi. L’operazione preoccupa i familiari, poiché Maradona è considerato un paziente a rischio. Intanto, Diego ha lasciato l’ospedale di La Plata per andare nella clinica Olivos, poco distante da Buenos Aires. L’intervento sarà a cura di Leopoldo Luque, il suo medico: “E ‘un intervento di routine. Il quadro clinico non è cambiato, resta lo stesso. Ora abbiamo una causa specifica. Diego sa tutto, sa che sarà operato, è tranquillo” ha detto Luque.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE  >>> Maradona, 35 anni dal gol su punizione contro la Juve: ora è ricoverato

Maradona, l’operazione al cervello avverrà a mezzanotte: la causa del trauma

maradona operato
Diego Armando Maradona (GettyImages)

C’è una forte preoccupazione. In un primo momento, dalle indiscrezioni della stampa argentina, sembrava che Maradona avesse più problemi psichici che fisici. Prova a far chiarezza anche Stefano Ceci, amico e agente di Diego, il quale l’ha sentito l’ultima volta per il suo compleanno: “Sarà operato alle 24.00 dell’ora italiana. L’ematoma è stato causato da un colpo alla testa che lui non ricordava – ha spiegato ad un’intervista a Canale 21 – poi è andato in ospedale e facendo gli accertamenti hanno rilevato questo problema”.

Anche Stefano afferma che l’ex 10 azzurro non sta vivendo un bel periodo e negli ultimi giorni ha mangiato e bevuto poco, per questo motivo è stata diagnosticata in un primo momento la disidratazione. “Siamo tutti con lui” conclude l’amico di Diego.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Il flop Osimhen e la sindrome di Zapata: quanta fretta!

Il Napoli abbraccia Diego, cresce la paura

In seguito alle notizie provenienti dall’Argentina, la società partenopea ha cercato di far sentire il proprio sostegno al vecchio numero 10. Una foto tra due capitani, quello del presente e Diego. Un messaggio diretto, ma pieno di affetto. Tutti i tifosi azzurri e tutto il mondo dei social sono abbastanza preoccupati per quest’operazione. Non è la prima volta che Maradona fa preoccupare i suoi amici e i suoi sostenitori. Nel 2004 fu addirittura intubato in terapia intensiva, a causa di un improvviso malore.