Lobotka vs Gattuso, la sfida infinita: questo era solo il primo round

0
351

Per Stan Lobotka una nuova vita all’ombra del Vesuvio. Frecciata all’ex allenatore, ma ecco il primo banco di prova.

Stan Lobotka in azione
Stan Lobotka (Getty Images)

Cambiare allenatore significa anche dare modo a diversi giocatori di poter riscrivere le gerarchie. In molti, infatti, ritrovano proprio la possibilità di rimettersi in gioco, conquistare il consenso del nuovo staff tecnico ed ovviamente riprendersi una maglia da titolare. Cosi anche in casa Napoli, l’arrivo di Luciano Spalletti ha dato modo a diversi giocatori finiti in secondo piano, di riprendersi nuovamente le luci dei riflettori. Un po’ per necessità, un po’ perchè serve anche valorizzare quei giocatori sui quali si è fatto un investimento.

L’ex allenatore dell’Inter non ha stravolto le gerarchie del suo predecessore Rino Gattuso, sia chiaro, ma per alcuni c’è stata l’opportunità di lasciarsi alle spalle un’annata anonima. Quella di Stan Lobotka, ad esempio, è stata una parabola molto particolare in casa azzurra. Arrivato anche grazie alla spinta di Marek Hamsk, lo slovacco non ha trovato subito l’amalgama giusta, con i compagni e con l’ambiente. Ora tutto sembra essere cambiato.

LEGGI ANCHE >>> Il ko di Demme apre una strada a Lobotka: chance da non fallire

Lobotka, con Spalletti è cambiato tutto

Luciano Spalletti applaude
Luciano Spalletti (Getty Images)

L’arrivo di Spalletti ha fin da subito avuto effetti benefici sull’esperienza di Lobotka all’ombra del Vesuvio. Un giocatore che appare del tutto rinnovato già sotto il punto di vista fisico, visto il dimagrimento evidentemente che Stan ha mostrato in queste settiamane. Con questo, il gran lavoro in ritiro ed un rendimento sul campo che ha convinto anche i tifosi, spesso reticenti nei confronti dell’ex Celta Vigo. 

Ieri, poi, le parole di Lobotka che hanno rivelato quanto ci fosse un senso di malessere con la precedente gestione targata Gattuso. “Sento la fiducia di Spalletti. Ho più spazio e sto provando a sfruttarlo. Spalletti si è improvvisamente interessato a me a differenza del vecchio allenatore”, ha spiegato proprio lo slovacco dal ritiro della nazionale.

LEGGI ANCHE >>> Spalletti ha tre armi segrete in questo Napoli. E se le tiene strette

Frecciata a Gattuso ed il primo banco di prova

Se Gattuso fosse rimasto in squadra, avrei potuto anche perdere dieci chili e probabilmente non avrei giocato. Fortunatamente per me, è arrivato un nuovo allenatore che mi ha dato fiducia”, la stoccata pesante di Stan.

Si, ma adesso servono le dimostrazioni concrete. Vero che fino ad oggi il rendimento di Lobotka, come detto, è stato sicuramente positivo ma contro la Juventus ci sarà un test molto importante per lo slovacco. Un nuovo round per imporsi nuovamente e dimostrare quanto quel vecchio allenatore “senza fiducia” abbia sbagliato a non puntare su di lui.