La rivalsa di Mario Rui, ma l’esclusione è sorprendente

0
396

Il Napoli si gode Mario Rui, in un momento incredibile della sua carriera: ma il terzino portoghese deve fare i conti con una tremenda esclusione.

Mario Rui
Mario Rui (GettyImages)

La stagione è cominciata con tantissime critiche nei confronti della dirigenza partenopea che non ha voluto acquistare terzini sinistri. C’era ampio scetticismo nell’ambiente azzurro, poiché Mario Rui ha disputato la scorsa stagione sottotono e si sarebbe ritrovato questo ruolo da titolare nel Napoli di Spalletti un po’ per caso, visto l’addio di Hysaj e la mancanza di concorrenza.

E invece, il terzino ha sorpreso tutti in questo avvio di campionato, dimostrando affidabilità, lucidità e intelligenza tattica fuori dall’ordinario. Mario Rui non ha mai giocato così bene da quando indossa la maglia del Napoli e al di là dell’espulsione in Europa League, le sue performance superano abbondantemente la sufficienza. Ma in Portogallo la pensano diversamente ed è una grosso boccone amaro da digerire per il difensore partenopeo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Insigne “rinnova” in Nazionale: traguardo record e nuovo ruolo

Mario Rui ancora escluso dal Portogallo

Rui, il terzino del Napoli
Mario Rui, il terzino del Napoli (GettyImages)

Per le prossime partite del Portogallo, il ct Fernando Santos ha deciso di lasciare ancora una volta a casa Mario Rui, preferendolo ad altri terzini sinistri. Addirittura, Nuno Mendes (giovane mancino del PSG) ha giocato molto meno rispetto al calciatore partenopeo. La Nazionale di Cristiano Ronaldo disputerà l’amichevole contro il Qatar e la gara di qualificazione ai Mondiali 2022 contro il Lussemburgo. Due partite in questa sosta, ma per il difensore del Napoli non c’è spazio.

Sette partite in campionato, più una e mezza (causa espulsione) in Europa League. E in tutte queste gare, Mario ha sempre fatto il suo, se non addirittura oltre. Insomma, cos’altro deve fare per riconquistare la convocazione in Nazionale? Infatti, l’esterno basso azzurro è stato escluso già dagli Europei e non indossa la maglia del suo Paese da novembre 2020. Dimenticato dal ct, elogiato da Napoli e dai suoi tifosi. L’obiettivo di andare ai Mondiali in Qatar si allontana, ma è ancora perseguibile.