Morte Piero Angela, il tweet di De Laurentiis: tifosi furiosi, il dettaglio non sfugge

0
950

Aurelio De Laurentiis ha dedicato un pensiero a Piero Angela, scomparso oggi all’età di 94 anni. Ma un particolare ha fatto arrabbiare i tifosi

Con Piero Angela se ne va uno dei più grandi divulgatori scientifici del secolo scorso. Un uomo brillante, speciale, un personaggio di grandissimo spessore che poi è riuscito a trasmettere la sua passione anche al figlio Alberto, diventato in poco tempo un’istituzione in materia. Piero Angela si è spento serenamente all’età di 94 anni e il primo ad annunciarlo è stato proprio Alberto Angela sui social.

Aurelio De Laurentiis presidente Napoli
Aurelio De Laurentiis (Ansa Foto)

Grande commozione da parte di tutti coloro che l’hanno stimato e seguito nel suo lungo percorso e fra questi non poteva mancare anche Aurelio De Laurentiis, che spesso e volentieri ricorda personaggi scomparsi con un tweet. Stavolta però ha commesso una piccola gaffe, che non è sfuggita a molti tifosi che già normalmente non gliene perdonano una, figurarsi ora che c’è molto malcontento nei suoi confronti.

Il tweet di De Laurentiis per Piero Angela

“Con la morte di Piero Angela se ne va un pezzo importante dell’Italia che conta”. Inizia così il messaggio di Aurelio De Laurentiis per ricordare il grande personaggio scomparso oggi. “Giornalista, storico, narratore immenso di qualunque argomento. Ha inventato un nuovo linguaggio televisivo”, spiega ADL, che poi riserva un pensiero anche per il figlio Alberto che ne ha idealmente raccolto il testimone. “Il figlio ne ha raccolto da tempo il testimone attraverso il suo lavoro altrettanto onesto, istruttivo e dinamicamente spettacolare”. Una grande perdita, chiosa il presidente del Napoli. Un tweet sincero e sentito, che però ancora una volta ha infastidito i tifosi partenopei, per un motivo ben preciso.

I tifosi inferociti: dov’è il tweet per Garella?

Tutto bene, tutto giusto, se non fosse che proprio ieri se n’è andato Claudio Garella, storico portiere del primo storico scudetto azzurro. Una morte molto più “traumatica”, arrivata a soli 67 anni, che a Napoli ha generato un bel po’ di commozione in ricordo di un personaggio meraviglioso degli anni ’80 partenopei. Tanti i messaggi di cordoglio, tanti i ricordi. Solo una persona non ha mosso un dito neppure per scrivere l’abituale tweet. Esatto, proprio Aurelio De Laurentiis.

Garella ai tempi con il Napoli
Claudio Garella (LaPresse)

In molti sotto il tweet per Piero Angela gli hanno fatto notare questa clamorosa dimenticanza, rinfacciandogli così il fatto di non essere mai troppo attento al passato della squadra che dirige. Non è la prima volta che ADL riserva qualche sgarbo o qualche incredibile dimenticanza nei confronti degli eroi azzurri del passato. Basti pensare a ciò che accadde nel 2017, quando in occasione del trentennale del primo scudetto gli ex campioni arrivarono al San Paolo per una celebrazione e trovarono lo stadio chiuso, per la rabbia in particolare di Beppe Bruscolotti. Un altro di quei tremendi errori di comunicazione che il presidente ormai sembra fare quasi di proposito. Ieri un’altra riprova di questa idiosincrasia col passato vincente del Napoli e dei napoletani.