Home Altre News Cronaca Chievo, Papp lancia la sfida al Napoli: “Azzurri da Scudetto, ma ce...

Chievo, Papp lancia la sfida al Napoli: “Azzurri da Scudetto, ma ce la giocheremo”

 

 

VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO SUL NAPOLI? CLICCA QUI PER SCARICARE ‘NAPOLILIVE’, L’APP GRATUITA DI NAPOLICALCIOLIVE.COM!

CLICCA QUI PER SEGUIRE LIVE TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SUL CALCIOMERCATO

 

Il difensore rumeno Paul Papp, uno dei volti nuovi del Chievo di Sannino, analizza la prossima sfida col Napoli ai microfoni di ‘L’Arena’.

Sarà dura.
«Sì, ma possibile. Noi di sicuro ci proveremo».

L’inizio, intanto, è stato decisamente positivo.
«Era importante non perdere. E l’obbiettivo è stato raggiunto. L’impatto è stato molto buono. Ma siamo ancora all’inizio e adesso ci aspetta un’altra partita, di grande prestigio».

Un anno di A che cosa le ha lasciato?
«Fiducia, tanta fiducia, nonostante io abbia giocato poco. Quest’anno vorrei giocare di più, penso sia comprensibile. Naturalmente sceglierà l’allenatore ma io sono pronto a tutto».

Prime impressioni sul lavoro di Sannino?
«Non spetta a me fare certe valutazioni. Comunque Sannino è un allenatore preparato, che ci fa già lavorare molto e cura con attenzione la parte tattica».

Chi vincerà il campionato?
«Vedo favorite due squadre: Juventus e Napoli».

Quanto è cambiato il Chievo nel corso dell’estate?
«Siamo più giovani. La società ha voluto investire su molti ragazzi. L’atteggiamento, invece, è sempre lo stesso. Il Chievo non ha perso la sua identità».

La difesa pare essere il reparto che ha cambiato meno. Nel segno della continuità ma per incassare qualche gol in meno. Il progetto riparte da lí?
«Non solo da lì, non soltanto da noi. La difesa lavora tanto. Ma non è mai da sola. Sarebbe riduttivo dire che il Chievo difende con quattro giocatori. Qui si lavora di squadra. Difendiamo in otto, in nove, in dieci».

Il calcio italiano l’ha messa di fronte a grandi attaccanti, chi l’ha impressionata di più in questa sua nuova avventura in serie A?
«Penso di avere solo l’imbarazzo della scelta».

Nomi?
«Di Natale, El Shaarawy, Balotelli, Vucinic… Ma ce ne sono tanti altri».

Chiudiamo con il sogno.
«Sogno la salvezza. Voglio restare in Serie A con il Chievo».