Home Rubriche KICKOFF – I big del Napoli piacciono ai top club, ma non...

KICKOFF – I big del Napoli piacciono ai top club, ma non bisogna vendere

CONDIVIDI

Il Napoli è reduce da una grande stagione, nella quale la crescita sia dal punto di vista del gioco che della maturità è parsa evidente. Questo grazie anche agli step in più percorsi dai propri giocatori principali: tanti sono gli azzurri che hanno disputato una delle loro migliori annate in carriera, come Hamsik, Mertens, Insigne e Koulibaly. E proprio questi due sarebbero entrati nelle mire del Chelsea, pronto a spendere 111 milioni di euro in totale pur di regalarli ad Antonio Conte. Quasi certamente però il calciomercato Napoli non risentirà di questi rumors, per quanto veritieri possano essere: la dirigenza non ha intenzione di smantellare il gruppo che ha fatto passi significativi come detto nell’ambito della convinzione e della fiducia nei propri mezzi per poter centrare la tanto desiderata vittoria dello scudetto, e per realizzare il grande obiettivo si rende necessaria una riconferma in toto dell’ossatura principale dell’organico, cercando di conservare e preservare lo spogliatoio.

Le sole operazioni che verranno fatte riguardano quegli elementi scontenti perché quasi mai impiegati da Maurizio Sarri, e quindi per loro ambizioni professionali si proverà a piazzarli altrove cercando sostituti all’altezza. Ma l’aspetto relativo al fatto di dover cambiare il meno possibile un organico che ha incantato e meravigliato tutti per gioco e qualità espressi dovrà essere un fattore imprescindibile per il Napoli.

Napoli, il bene del gruppo prima di tutto

A dirlo erano stati gli stessi calciatori al termine della stagione, soltanto qualche settimana fa. Hamsik su tutti aveva parlato chiaramente di riconferma necessaria per ambire a traguardi prestigiosi e grandi successi. Il Napoli dovrà valutare qualche caso ed agire di conseguenza: Reina e Ghoulam sono per ora le priorità. Con entrambi si parla di rinnovo e non si può escludere un divorzio che lascerebbe qualche cicatrice importante, specialmente in caso di addio dello spagnolo per via del suo apporto non solo tecnico ma anche caratteriale che influisce in bene sui compagni di squadra.