Home Le Rubriche di napolicalciolive.com DIAMO I NUMERI – Napoli miglior difesa in Italia: Sarri alle spalle...

DIAMO I NUMERI – Napoli miglior difesa in Italia: Sarri alle spalle di Guardiola

La crescita esponenziale del Napoli di quest’anno passa anche e soprattutto per gli evidenti miglioramenti della fase difensiva. Con soli 8 gol subiti in campionato, il Napoli vive una piacevole controtendenza rispetto alle ultime stagioni, nelle quali i difetti imputabili al reparto arretrato erano finiti col costare punti preziosi in classifica. La corsa agli obiettivi stagionali del Napoli si è infatti spesso imbattuta con la dura realtà di una retroguardia disattenta e poco efficace, rea di incassare un quantitativo esagerato di reti, soprattutto contro le cosiddette medio-piccole. Piccoli passi falsi che nel complesso sono sempre costati diversi punti alla squadra di Benitez prima e Sarri poi. Quest’anno però la difesa azzurra fa registrare un sensibile miglioramento, soprattutto nei numeri. Le imperfezioni sia dal punto di vista del singolo che del gruppo hanno infatti subito un brusco calo, favorendo quindi la crescita partenopea in classifica. A celebrare il miglioramento della difesa azzurra ci ha pensato anche il Cies, l’osservatorio sul calcio, che ha effettuato uno studio sulle migliori difese dei 5 principali campionati europei.

Napoli, la crescita della difesa: i numeri

Stando allo studio del Cies la miglior retroguardia in assoluto è quella degli sloveni dell’Olimpia Lubiana, che concede agli avversari appena 3,20 tiri a partita e solo il 6,47% dei quali in area. Se invece consideriamo solamente i 5 maggiori campionati europei lo scenario cambia ancora. Al primo posto il Manchester City, mentre segue a ruota proprio il Napoli di Maurizio Sarri. 3,45 tiri concessi a partita dei quali 5,91% in area rappresentano i numeri degli inglesi, mentre gli azzurri vantano un 3,67 a gara con 7,25% dei quali in area di rigore. Numeri eccellenti che evidenziano la crescita difensiva degli azzurri. Il Napoli infatti incassa in campionato meno goal rispetto agli altri anni, e deve molto proprio al lavoro dell’intera squadra che concede poco o nulla agli avversari. Dopotutto la vittoria dello Scudetto passa soprattutto dalla difesa.