Home Interviste & anteprime @NCLiveCom ACQUA AZZURRA – Sara Centanni @NCLive: “Lavoro duro, l’azzurro mi fa sognare....

ACQUA AZZURRA – Sara Centanni @NCLive: “Lavoro duro, l’azzurro mi fa sognare. Anche quello del Napoli”

La prima protagonista della nostra nuova rubrica dedicata alla pallanuoto napoletana è una giovanissima napoletana trapiantata a Roma. Sara Centanni, classe ’95, ci ha messo poco più di un mese per diventare una delle stelle della Sis Roma e far breccia nel cuore della tifoseria giallorossa. Dopo aver conquistato la medaglia d’argento nel primo trofeo stagionale, quello della Fin Cup, Sara e compagne saranno impegnate questo week end nella fase preliminare della Coppa Italia dove affronteranno il Padova e la Rari Nantes Florentia. La redazione di Napolicalciolive.com ha raggiunto Sara per raccogliere le sue sensazioni in vista dei prossimi importantissimi impegni.

Una medaglia al collo e stiamo ancora all’inizio della stagione, quali sono gli obiettivi della SIS ROMA?

Il secondo posto che abbiamo conquistato ci ha reso felici e ripagato del duro lavoro che stiamo svolgendo, ma già dal giorno dopo la finale siamo tornate con i piedi per terra, o meglio con cuffia e occhialini a macinare chilometri per arginare il divario che ci divide ancora dalle squadre più forti.

Durante la finale di Fin Cup, tantissimi i complimenti per te da parte del Ct della Nazionale. Ci sono possibilità di vederti in azzurro?

Lavoro duramente per far bene con il mio club e sono sicura che questa è la strada giusta per poter migliorare sempre di più e sono pronta a mettermi in gioco in ogni occasione. Poi l’azzurro Napoli è uno dei colori che amo di più, vista la mia fede calcistica, quindi non posso che sognare in grande per l’azzurro della Nazionale.

 

Sara Centanni waterpolo
Sara Centanni (ph. Gennaro Masi)

 

Cosa hai portato da Napoli in questa avventura capitolina?

Ovviamente tutti i riti scaramantici, come ascoltare sempre la stessa canzone prima di entrare in acqua o tuffarmi sempre nello stesso punto al momento del riscaldamento. Certo non gioco con la calottina numero 11 che ho sempre indossato, ma avere il numero 10, per una tifosa napoletana come me, non è niente male.

Da sportiva e da tifosa, questo Napoli dove può arrivare?

Noi napoletani siamo molto scaramantici e quindi non ci sbilanciamo, mai. Ma questo Napoli quest’anno ci sta facendo divertire tantissimo. Ha un gioco entusiasmante e finalmente se ne è accorto l’intero mondo calcistico. Ora non ci resta che sognare!

 

di Eliana Acampora