Corsa scudetto, Juventus come PSG e Bayern: in Italia si vince solo se…

juve-arbitri
Juve-arbitri, pronto esposto alla FIFA dal Movimento Neoborbonico ©Getty Images

Con il successo in rimonta della Juventus nel controverso match di sabato sera contro l’Inter e la sconfitta netta per 3-0 del Napoli in casa della Fiorentina si va ormai verso il settimo Scudetto consecutivo per i bianconeri. Con 4 punti di vantaggio sulla squadra di Sarri, il totale degli scontri diretti a favore e tre sole giornate al termine del campionato, la compagine piemontese sembra essere davvero a un passo dalla conferma del titolo di Campione d’Italia. Un dominio incontrastato quello dell’undici allenato da Allegri nonostante nel corso degli anni soprattutto Napoli e Roma siano molto cresciute cercando di interrompere il regno sabaudo. Né azzurri né giallorossi però ci sono riusciti. La società torinese si avvia così ad entrare di diritto nel club degli invincibili.

In Europa nei 5 campionati maggiori sino ad oggi solo due squadre si sono potute fregiare di questo ambito titolo. Stiamo parlando ovviamente del Bayern Monaco e del PSG. Se quest’ultima società è diventata grande dominando la Ligue 1 solo grazie all’acquisto da parte di un magnate arabo, la squadra bavarese ha dalla sua una tradizione fatta di tronfi ben più lunga rispetto ai colleghi francesi. Basti pensare che i tedeschi sono a quota 6 nei titoli consecutivi e che negli ultimi 20 anni i successi in Bundesliga sono stati ben 14.

Napoli, lo Scudetto mancato non è un flop: gli esempi Bayern Monaco e PSG

Le interruzioni alla serie di trionfi del Bayern Monaco hanno quasi sempre avuto vita breve: solo il Borussia Dortmund è riuscita a portarsi a casa due campionati consecutivi (nel 2010/2011 e nel 2011/2012). Per quanto riguarda il PSG invece la crescita esponenziale, come detto, è avvenuta attraverso l’inserimento di numerosi campioni ed una pioggia di petrodollari ad opera dello sceicco Khaled El-Khelaifi a partire dalla stagione 2011/2012. Incredibilmente però allora i parigini non riuscirono a vincere subito la massima competizione transalpina. A vincere furono gli outsider del Montpellier. Tuttavia da quel momento in poi c’è stato un dominio quasi incontrastato targato PSG. Solo titoli dal 2012/2013 ad oggi, se non per l’unica vittoria mancata lo scorso anno, stagione in cui a vincere fu il Monaco di Jardim.

Insomma, a fare la differenza è sempre stato il fatturato nettamente superiore rispetto a quello delle concorrenti sia in Italia che in Germania e Francia. In Italia la Juventus è un mostro insormontabile, una squadra che lo scudetto può solo decidere di perderlo. Quando lo decide, quando toppa la stagione, chi sta dietro potrebbe raccogliere. Sarà merito e bravura del Napoli farsi trovare sempre là, aspettando un passo falso. Che evidentemente quest’anno (possono chiudere a 97 punti!) non c’è stato. Ma appunto. Non può essere davvero possibile che il Napoli, una società infinitamente più piccola della sua avversaria, debba essere “sotto esame” per non aver vinto lo scudetto. Un titolo che, non dimentichiamolo mai, sarebbe stato inverosimile, quasi miracoloso. Appunto: non dimentichiamolo mai.