Home Le Rubriche di napolicalciolive.com Calciomercato Napoli, valzer in attacco: tre punte per Ancelotti

Calciomercato Napoli, valzer in attacco: tre punte per Ancelotti

Ancelotti Napoli, dopo Sarri
Carlo Ancelotti ©Getty Images

Dopo la pioggia di nomi nelle prime ore dopo l’ufficialità di Carlo Ancelotti al Napoli, almeno nel reparto attaccanti la situazione sembra in stand-by. De Laurentiis aveva spiegato come il reparto offensivo non rappresentasse la priorità, con Mertens e Milik lì davanti. Il futuro del belga è però ancora da decidere, nonostante le sue dichiarazioni rasserenanti dal ritiro con la Nazionale.

Resta da capire come vorrà giocare Ancelotti, con i tifosi che sperano di poter contare su una terza punta proveniente dal mercato, che possa sopperire ad eventuali mancanze ed offrire differenti spunti lì davanti. Nessuno vuole pensare a un nuovo grave infortunio, ma scommettere con la sorte è un lusso che non ci si può più permettere.

Calciomercato Napoli, le piste per l’attacco di Ancelotti

Accantonate per il momento vere e proprio suggestioni come Karim Benzema, la sensazione è che si aspetterà il ritiro per capire cosa fare. A Dimaro sono attesi Insigne, Mertens, Callejon, Milik, Ounas, Inglese, Younes, Vinicius, Ciciretti e quasi certamente Verdi, ormai ufficiosamente un nuovo calciatore del Napoli. Dieci nomi per l’attacco, ovviamente non resteranno tutti ma Carlo Ancelotti vuole valutare ogni singolo profilo. In questo momento sicuri di un posto in rosa sono solo Insigne, Milik e Verdi.

Mertens era al passo d’addio ma una telefonata di Ancelotti sembra averlo convinto. Per Callejon si attendono conferme, difficile rinunciare allo spagnolo ma l’interesse di Atletico e Milan resta alto. Pronti a giocarsi un posto in squadra Inglese, Younes e Ciciretti, in particolare l’ex Benevento vuole dimostrare di meritare una chance nel Napoli. L’alternativa è un nuovo prestito al Parma. Per Younes la situazione è tutta da decifrare dopo gli screzi di gennaio. Dovesse restare a Napoli, avrebbe il difficile compito di riconquistare l’intera piazza che, ad oggi, non lo vuole al San Paolo. Scalpita invece Inglese, voglioso di mettersi in mostra e a disposizione di Ancelotti, al fine di convincerlo a trattenerlo.