Home Rubriche Napoli-Milan, ballottaggio Ospina-Karnezis, anche Reina vuole esserci

Napoli-Milan, ballottaggio Ospina-Karnezis, anche Reina vuole esserci

CONDIVIDI
Ospina al Napoli
David Ospina © Getty Images

Si prospetta un ballottaggio Karnezis-Ospina tra i pali del Napoli per sabato sera contro il Milan. Ed anche Reina insidia Donnarumma in rossonero.

Napoli-Milan di sabato sera sarà caratterizzato anche da una situazione particolare, che riguarderà i portieri. In entrambi gli schieramenti infatti non si sa ancora con certezza assoluta chi sarà a difendere i pali dell’una e dell’altra squadra. I dubbi maggiori riguardano il Napoli, con Orestis Karnezis che è apparso sicuro nella prima giornata di campionato in occasione della vittoria in casa della Lazio. Il greco non è stato mai impegnato, eccezion fatta per un grande intervento comunque ad azione invalidata da fuorigioco. Ma ha fornito buone garanzie alla difesa, giocando più di una volta il pallone di piede e contribuendo a far ripartire l’azione. Le incertezze delle amichevoli internazionali di inizio agosto vanno in archivio come episodi estemporanei, legati anche ad una condizione non ottimale della squadra. Però adesso è arrivato David Ospina, un elemento dotato di grande esperienza e che punta a rilanciarsi e a non accontentarsi soltanto delle ottime prestazioni fornite con la Colombia.

Ospina o Karnezis? E pure l’ex Reina vuole giocare

Dopo aver ottenuto consensi ai Mondiali 2018, il sudamericano intende rilanciarsi e cancellare le ultime tre annate nelle quali all’Arsenal l’ex manager Arsene Wenger preferiva affidarsi ad elementi più esperti, ora messi a loro volta in discussione. Ancelotti dovrà scegliere a chi dei due affidarsi per sabato. Mentre in Champions League la sensazione è che sarà Ospina il titolare. Nel Milan invece ci sono lo stabiese Gigi Donnarumma e l’ex Napoli, Pepe Reina, che verrà accolto tra gli applausi dei suoi vecchi tifosi. Lo spagnolo punta ad essere più di una semplice riserva ed è un suo obiettivo ottenere quante più volte possibile una maglia da titolare. Ma davanti c’è quello che viene considerato un patrimonio del calcio italiano, nonostante gli scivoloni di natura tecnica siano già parecchi a suo carico.