AMARCORD – Inter-Napoli 2017: disastro Nagatomo, Callejon scaltro

0
26
Callejon, Inter-Napoli © Getty Images
Callejon, Inter-Napoli © Getty Images

Inter-Napoli 2017 – Gli azzurri vinsero a San Siro grazie ad una rete di Josè Maria Callejon, che approfittò di un errore di Nagatomo.

Inter-Napoli srà una sfida dalle grandi emozioni. Allo stadio San Siro di Milano si affrontano due tra le squadre più forti del campionato. Gli azzurri, che stanno vivendo un gran periodo di forma, hanno accumulato una serie importante di vittorie una dopo l’altra. I nerazzurri, invece, faticano ad uscire fuori da un periodo difficile che ormai si protrae da settimane. La corsa al primo posto, per la squadra di Spalletti, potrebbe essere ormai definitivamente compromessa, visti i 16 punti di distanza dalla Juventus capolista. Dicorso diverso per la squadra di Ancelotti, invece, che ne dista la metà. In quel di Milano, dunque, sarà lotta per provare ad afferrare il secondo posto. Un paio d’anni fa, nello stesso stadio dove mercoledì si affronteranno i due club, il match terminò con una vittoria per i partenopei.

Per essere sempre aggiornato sul Napoli CLICCA QUI

LEGGI ANCHE —> De Laurentiis: “Meret ed Ancelotti sublimi, Inter-Napoli a Mazzoleni mi preoccupa”

Inter-Napoli 2017, Nagatomo tra le critiche

Fu una gara molto particolare. Sarri affrontava Pioli in una sfida in pieno clima primaverile. A sbloccare il match, e a deciderlo, fu Josè Maria Callejon dopo un primo tempo a tinte completamente azzurre. Il Napoli, grazie allo spagnolo, approfittò di un grossolano errore in fase difensiva di Nagatomo. Nel secondo tempo un paio di squilli da parte dell’Inter, poi nuovamente solo Napoli. Handanovic dovette fare gli straordinari per fermare uno scatenato Insigne. Al termine del match, che vide i partenopei uscire vittoriosi da San Siro, il terzino giapponese, autore dell’errore fatale, fu travolto da sfottò social ma anche da critiche aspre e severe da parte dei suoi tifosi e della stampa.

LEGGI ANCHE –> Ancelotti: “Il Napoli è competitivo per vincere, potevo allenare di nuovo il Milan…”