De Laurentiis: “Meret ed Ancelotti sublimi, Inter-Napoli a Mazzoleni mi preoccupa”

0
41
De Laurentiis Liverpool Napoli
De Laurentiis © Getty Images

Aurelio De Laurentiis rivolge gli auguri di buon Natale a tutti i tifosi del Napoli e parla di vari argomenti. In particolare di Mazzoleni e Var.

Aurelio De Laurentiis ha rivolto gli auguri di buon Natale ai tifosi del Napoli a Radio Kiss Kiss. Il presidente del club azzurro ha poi parlato anche di altri argomenti di interesse. “Faccio gli auguri a tutti i napoletani, anche a quelli che di calcio non si interessano. Ma soprattutto il mio pensiero è rivolto a coloro che soffrono. Contro la SPAL abbiamo vinto, e siamo riusciti ad avere la meglio contro un avversario che sa essere pericoloso e con un allenatore accorto e capace. Sanno essere bravi specialmente sulle fasce, e devo dire che fa piacere vedere una cosiddetta piccola come la SPAL così organizzata. Il campionato resta sbilanciato per via di regolamenti non corretti. Col nuovo presidente FIGC Gravina però proveremo a risolvere questa cosa. Il governo ha commesso soltanto sciocchezze nel calcio ogni volta che è intervenuto. Ed i nuovi, anziché metterci una pezza, stanno peggiorando la situazione. A Gravina – continua De Laurentiis – ho consigliato di confrontarsi con Giorgetti (Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega allo Sport, n.d.r.) e di tenere presente i 40 mln di appassionati di calcio che ci sono in Italia”.

De Laurentiis: “Il calcio italiano va migliorato”.

“C’è molto da recuperare da Inghilterra e Germania come fatturato, noi in Italia siamo dei sopravvissuti. Ed a questo penso non solo per via del Napoli ma anche del Bari: in Serie D si gioca anche su dei campi di terra, altro che erba. Questo fa capire come tutto sia stato sbagliato fino ad oggi”. Tornando a Napoli-SPAL: “Meret è stato molto bravo, non c’è mai stato alcun dubbio su di lui altrimenti il Napoli non avrebbe investito 25 mln e più per acquistarlo. Lui è un talento tutto italiano, così come lo è Sepe che al Parma sta facendo molto bene in prestito. Alex è straordinario, come i suoi genitori, presenti ma mai invadenti, ed è molto educato. Una vera e propria eccellenza, che a Napoli sta benissimo perché anche la nostra squadra e la nostra città lo sono”. E pure Ancelotti è il non plus ultra, come ribadisce per l’ennesima volta De Laurentiis.

Inter-Napoli, De Laurentiis preoccupato da Mazzoleni

“Erano anni che lo volevo in panchina al Napoli. Ha una cultura vera, costruita tramite l’esperienza. Mi piacerebbe frequentarlo davvero di più, ma ho troppi impegni ai quali stare dietro tra calcio e cinema. Ora riparto per gli Stati Uniti ad esempio. Il calcio va livellato a livello europeo e fare le stesse cose. Il mercato ed il fatto di giocare anche a Santo Stefano lo devono fare tutti allo stesso tempo. Io faccio rispettare i contratti, nel cinema è un aspetto imprescindibile. Nel calcio ho notato invece che c’è una tendenza minore a tenere a mente questo aspetto. Occorre badare al rapporto che si viene a creare con un giocatore, può essere che dopo 2 anni tutto si deteriora e devi cederlo”. De Laurentiis esprime preoccupazione per Mazzoleni come arbitro di Inter-Napoli: “Con noi è sempre stato cattivo e non imparziale. E poi c’è la Var che non credevo potesse diventare un ulteriore strumento di polemica. Lo reputavo un modo per tutelare gli investimenti. Bisogna essere equidistanti e sgombrare il campo da dubbi. Chi gestisce il Var deve agire con responsabilità”.

“L’Europa League è diventata più interessante come proventi”

“Torno negli Stati Uniti per due film importanti, ma il calcio resta centrale nella famiglia De Laurentiis. Vorrei fare gli auguri anche a tutti gli allenatori che hanno collaborato con noi. Se il Napoli oggi è una potenza del calcio italiano rispettata anche all’estero parte del merito è anche loro, e li ricordo con grande piacere. La mia cultura calcistica è migliorata anche per via loro. L’Europa League è diventata più interessante dal punti di vista economico. E poi ci sono Chelsea ed Arsenal, sarà bello. A capo dell’ECA ora c’è Agnelli, speriamo che riesca a cambiare in meglio anche le coppe europee per fare un torneo continentale con le squadre più importanti dei 4-6 migliori tornei d’Europa”.

“Critiche per aver preso Ruiz e non Nainggolan, De Laurentiis sbaglia poco”

Sul cinema: “Netflix è un rivale terribile, le sale però sono state distrutte dalla pirateria e dai governi che non hanno saputo contrastarla. Forse anche con connivenza. Spero che nel triennio 2021-2024 spero che sia la Lega a distribuire i diritti tv su Sky, Netflix, Amazon…così che ognuno si scelga il proprio canale. Il Napoli era stato criticato per aver preso Fabian Ruiz e non Nainggolan. Ed i criticoni continuino pure così, danno vivacità. Io non mi spavento, altrimenti dovrebbero essere queste persone a farmi vedere come si gestisce una impresa di calcio. Io sono sempre disposto ad imparare, anche se credo di aver sbagliato molto poco”.

LEGGI ANCHE –> Ancelotti: “Il Napoli è competitivo per vincere, potevo allenare di nuovo il Milan…”