Home Rubriche Polemiche VAR, Campedelli: “Mai viste certe cose in 26 anni”

Polemiche VAR, Campedelli: “Mai viste certe cose in 26 anni”

Polemiche VAR
Stadio San Paolo, logo Serie A Tim ©Getty Images

Polemiche VAR – La moviola in campo non funziona come dovrebbe. Nell’occhio del ciclone l’uso che se ne fa da parte dei direttori di gara in Serie A.

Durante Milan-Napoli un episodio sospetto in area di rigore, dove Insigne viene steso da Zapata con un pestone, oggi in Chievo-Fiorentina decisioni assurde e che hanno mandato su tutte le furie il presidente dei clivensi, Luca Campedelli. Sotto accusa il VAR, lo strumento che avrebbe dovuto togliere da mezzo ogni polemica con l’aggiunta della moviola in campo. Ed invece così non è. Ai microfoni di Sky Sport, dopo il match giocato contro i viola, il numero uno del club veronese ha dichiarato: “Non riesco a capire come funziona il Var. Fermo restando che abbiamo giocato una grande partita e bisogna dare onore alla Fiorentina che ha fatto due gol in dieci uomini. Oggi arbitro e Var hanno fatto cose inspiegabili”.

Per essere sempre aggiornato sul Napoli CLICCA QUI

LEGGI ANCHE —> Coppa Italia, Milan-Napoli: l’allenamento di oggi: squadra divisa in 2 gruppi

Polemiche VAR: “Parte del sistema”

Duro lo sfogo di Campedelli, che ha parlato apertamente di quanto accaduto durante il match della mezza: “E’ 26 anni che faccio il presidente e non ho mai visto una cosa del genere in vita mia. C’è un rigore a nostro favore non dato. Sul rigore di Pellissier il portiere parte prima. Se la rete nostra va annullata, va ribattuto anche il rigore. Sono state prese delle decisioni senza senso. Il Var o va guardato sempre o comunque non va utilizzato solo nelle azioni che interessano loro. E’ tutta la conduzione e il modo di gestire il Var che non va bene. Lasciatemi parlare adesso, perché è l’ultima intervista che farò e poi non parlerò più. Come si può risolvere la cosa? Non si può risolvere, il Var ormai è all’interno del sistema“.

LEGGI ANCHE —> Coppa Italia, Milan-Napoli: le possibili scelte di Gattuso e Ancelotti