Home Napoli News Nazionale a Napoli, Sibilla: “Possibile ad ottobre, dipende dal San Paolo”

Nazionale a Napoli, Sibilla: “Possibile ad ottobre, dipende dal San Paolo”

CONDIVIDI
Nazionale a Napoli
Nazionale italiana ©Getty Images

Nazionale a Napoli – Il vicepresidente della FIGC non ha smentito la possibilità di veder giocare l’Italia nello stadio San Paolo prossimamente.

Per essere sempre aggiornato sul Napoli CLICCA QUI

Il restyling del San Paolo potrebbe portare diversi benefici al club ed ai tifosi. In primo luogo la sicurezza dell’impianto sarà completamente messa a nuovo, così come il colpo d’occhio grazie all’installazione di nuovi sediolini azzurri e multicolor. Sarà insomma uno stadio nuovo quello nel quale il Napoli si ritroverà a giocare, più moderno e più adeguato alle norme europee. Al punto che è possibile che si possa vedere più spesso la Nazionale di calcio italiana giocarci dentro. Lo ha confermato anche Sibilla, vicepresidente della FIGC, che ai microfoni di Radio Marte ha dichiarato: “Le Universiadi dovranno portare il San Paolo ad avere dei requisiti essenziali per giocare una gara internazionale”.

LEGGI ANCHE —> Infortunati Roma, la lista si allunga: El Shaarawy lascia il ritiro nazionale

Nazionale a Napoli, ad ottobre Italia-Grecia

“Se questo avverrà è possibile che ad ottobre si giochi a Napoli la sfida tra Italia e Grecia. Dipenderà dalla struttura”, ha concluso. Possibile quindi che nei prossimi match di qualificazione agli Europei 2020 si possa giocare al San Paolo, che avrà un nuovo volto ed un’aria nuova per poter ospitare, oltre le universiadi, anche le gare dell’Italia. “Ieri nell’incontro con la delegazione cinese c’erano De Laurentiis e Lotito – ha continuato Sibilla – scherzando hanno detto ‘Facciamo un’amichevole Napoli-Lazio a Pechino’. Per il campionato il regolamento non permette di fare gare all’estero, discorso diverso per Coppa Italia e Supercoppa”. Affrontato, dunque, anche il tema dei diritti televisivi sul campionato italiano e dell’idea di disputare un match di Serie A in Cina. L’ipotesi, per il momento, sembra remota, viste le norme sui permessi e sulle restrizioni imposte dalla Fifa.