Home Rubriche Napoli, pugilato e pallanuoto insieme: lo sport come veicolo di crescita

Napoli, pugilato e pallanuoto insieme: lo sport come veicolo di crescita

CONDIVIDI

Lo sport unisce. Unisce persone, culture, nazioni. Ha la capacità di livellare ogni differenza sociale: che sia di sesso, di età o di cultura. E chi lo pratica con entusiasmo e dedizione ha già vinto perché ha scelto di vivere secondo i valori che vengono trasmessi: lealtà, spirito di squadra, autodisciplina, rispetto.

Qualche giorno fa il mondo della pallanuoto e del pugilato si sono incontrati grazie alla campionessa europea di pugilato Irma Testa e alle pallanuotiste Roberta e Fabiana Anastasio, Alessia Morvillo ed Eliana Acampora che si sono date appuntamento per un brunch. Da buone napoletane, tra una ricca portata e l’altra hanno parlato di pallanuoto, pugilato, Universiadi e Olimpiadi.

Primo posto agli Europei, un film documentario sulla tua vita uscito in tutta Italia e una canzone scritta per te: Irma questo è un momento d’oro per te ma quali sono i prossimi obiettivi?

“La vittoria agli Europei è sicuramente ciò che mi rende più felice perché il ring è la mia vita, anche se devo ammettere che anche bazzicare nelle sale cinematografiche è stato adrenalinico ed emozionante. Prossimi obiettivi? Ora grazie a tutto questo bellissimo periodo ho ancora più stimoli per andare avanti e puntare alle prossime Olimpiadi. Il lavoro da fare è tanto, la strada è lunga ma sono qui per lottare e non mollare di un centimetro”.

Alessia, potresti far parte del Setterosa alle Universiadi di Napoli. Come si sta preparando la città e soprattutto come ti stai preparando per provare a convincere il ct a farti partecipare a questa grandissima competizione?

Ho avuto la fortuna di partecipare già alle Universiadi ed è stata un’esperienza che mi porto negli occhi e nel cuore. L’unione di culture diverse grazie allo sport, è una magia che ti riempie il cuore. “Napoli è milleculure”, cantava Pino Daniele, e penso che sia una location perfetta per questo evento. Io mi sto allenando al massimo, come ho sempre fatto e spero che il mio impegno venga ripagato con una bellissima convocazione.

Roberta, quest’anno stai giocando di meno con il tuo club perché ti stai preparando a un grande evento sportivo: i mondiali master in Corea.

“Purtroppo ho avuto problemi alla spalla che piano piano sto risolvendo soprattutto per farmi trovare pronta per questo grandissimo evento dei mondiali. Abbiamo vinto il bronzo Europeo lo scorso anno in Slovenia e ora siamo pronte ad affrontare le compagini più forti di tutto il Mondo. E’ un grande motivo d’orgoglio rappresentare l’Italia master over30”.

Fabiana Anastasio: il tuo hobby preferito è gonfiare la rete la domenica, ma nel frattempo ti sei laureata e specializzata in Lingue. Come si può coordinare lo studio con lo sport? Quali sono i tuoi prossimi obiettivi?

“Lo sport ti aiuta a essere più autodisciplinato e questo te lo porti nella vita quotidiana. La capacità di organizzarsi e di ottimizzare il tempo sono l’ABC dello sport. Quest’anno siamo attualmente al terzo posto in classifica ma siamo pronte per un finale di stagione entusiasmante”.

Eliana Acampora sono io e di domande me ne pongo tante da anni, ma sono giornate come queste che mi danno le risposte. Lo sport unisce e quando si ha la fortuna di poter condividere questa passione, le proprie competenze e le proprie esperienze si trova il senso di tutti i sacrifici che fatti nella vita e si trovano nuovi stimoli e nuovi spunti su cui continuare lavorare.

Viva lo sport!

Fabiana Anastasio e Alessia Morvillo, punte di diamante dello Sporting Club Flegreo
Fabiana Anastasio