Home Calciomercato Napoli Calciomercato Napoli, esperienza e classe al potere: la seconda vita di Ilicic

Calciomercato Napoli, esperienza e classe al potere: la seconda vita di Ilicic

Il talento sloveno dell’Atalanta potrebbe essere il nuovo rinforzo della squadra di Carlo Ancelotti

Napoli su Ilicic
Josip Ilicic ©Getty Images

Chiamatelo pure “la nonna”, come lo chiamano a Bergamo su imbeccata di Gasperini. Evidentemente un nomignolo del genere serve per gasarlo e dargli quella carica che troppe volte gli è mancata, così come l’integrità fisica. Due caratteristiche con le quali, probabilmente, avrebbe fatto ben altra carriera. Josip Ilicic è un calciatore atipico almeno quanto è sopraffino, e per rendersene conto basta guardarlo giocare. Quando è in giornata di grazia, ovviamente, perché quando non ha voglia i compagni potrebbero anche giocare con un uomo in meno. Ilicic è uno degli obiettivi del Napoli per la prossima estate, e già il fatto che al Napoli interessi un calciatore così diverso dal target abituale significa che ne può valere davvero la pena. Gennaio 1988, 31 anni, quindi non esattamente un giovanissimo, ma soprattutto mezza carriera a fare i conti con problemi fisici e quella indolenza atavica che spesso, troppo spesso, lo ha tirato fuori dalle partite.

Calciomercato Napoli, conosciamo meglio Ilicic

Sinistro mirabolante, mezzi fisici importanti, Ilicic è il più atipico dei trequartisti, un ragazzone di 1,90 dinoccolato che quando parte in progressione è davvero inarrestabile. Ne sa più di qualcosa il Napoli, che ha sperimentato i momenti-sì di Ilicic giusto qualche settimana fa. Napoli-Atalanta, stadio San Paolo. La Dea è sotto 1-0 e il Napoli aveva sfiorato il raddoppio, poi dopo un’ora di gioco entra lui e non ce n’è per nessuno. La vince quasi da solo, danzando sul pallone come solo lui sa fare. Ancelotti ne è rimasto stregato e l’ha messo sul taccuino. Affare da 12 milioni di euro, nella trattativa potrebbe rientrare anche Roberto Inglese. L’accordo col calciatore c’è, ora bisogna convincere l’Atalanta. E bisogna convincere Ilicic a giocare al calcio e a giocarci sempre. Giocarci come sa fare soltanto lui.