Home Interviste Napoli, Mancini @NCL: “La piazza non sta aiutando Ancelotti, troppe critiche”

Napoli, Mancini @NCL: “La piazza non sta aiutando Ancelotti, troppe critiche”

Napoli, Riccardo Mancini ai microfoni di Napolicalciolive.com prova ad analizzare perché gli azzurri si siano smarriti, insieme al proprio tecnico

Ancelotti critiche Napoli
Carlo Ancelotti (Getty Images)

Il Napoli sta faticando e ormai non è più un mistero. Tuttavia, resta tale in parte, perché gli azzurri sembravano ormai pronti al definitivo salto di qualità. Ragion per cui, ci siamo spinti a domandare in giro il perché di questo calo. Riccardo Mancini, voce inconfondibile di DAZN, ha provato ad analizzare ai microfoni di Napolicalciolive.com il momento noi della formazione di Carlo Ancelotti.

“Anche ai grandi allenatori può succedere di smarrire le proprie idee. La piazza di Napoli non sta aiutando Ancelotti. Ci sono tante critiche e pochi abbonati, componenti sicuramente non vanno a dare una mano all’allenatore. Ancelotti ha tanti calciatori validi, moltissime scelte, che però non stanno facendo benissimo a livello individuale. Non vorrei che l’ambiente e lo spogliatoio lo stiano condizionando, perché è mancato l’arrivo di un top player come James Rodriguez. Ancelotti è un grandissimo e resta l’uomo giusto per riportare il Napoli ad alti livelli. Alcuni calciatori stanno facendo la differenza in negativo, ma darei ancora un po’ di tempo quest’anno, anche se per lui sarà la stagione decisiva. E’ chiaro, bisogna fare i conti con la realtà. Juve e Inter sono due corazzate, ma diamo fiducia al Napoli. Ci sono ancora le basi per poter fare qualcosina di importante. La città ha fame e Ancelotti è sinonimo di garanzia e successi. Aspettiamo…”.

Napoli, Mancini: “James un rimpianto? Alla lunga può diventarlo”

E’ chiaro che uno dei temi sollevati possa essere anche e soprattutto il mancato arrivo di un top playerMancini fa l’esempio di James, a lungo il sogno bagnato del Napoli e di Ancelotti, poi saltato quando tutto sembrava in dirittura d’arrivo.

“E’ chiaro che non aver preso James Rodriguez può essere un rimpianto alla lunga, ma è troppo facile parlare con il senno del poi. Il Napoli ha rosa all’altezza, inferiore di pochissimo a quella di Juventus e Inter. E quel gap lo culmini già con l’arrivo di un grande allenatore, come Carlo Ancelotti. Il mercato è stato intelligente, sono stati acquistati calciatori giusti al posto giusto. Resta da trovare l’unità di intenti tra società, piazza e allenatore, poi il Napoli tornerà a lottare in alto”.