Home Napoli News Bellinazzo sul futuro del Napoli: De Laurentiis lascia o raddoppia?

Bellinazzo sul futuro del Napoli: De Laurentiis lascia o raddoppia?

CONDIVIDI

Il noto giornalista economico Marco Bellinazzo spiega il suo punto di vista sul futuro del Napoli. Nel mirino anche Ancelotti.

Come salvare la stagione del Napoli? Aspettando una possibile scossa, in tanti hanno indicato le rispettive ricette per invertire il pericoloso trend delle ultime settimane. Adesso a farlo è anche il noto giornalista de ‘Il Sole 24 Ore’ Marco Bellinazzo che affida a Facebook il suo pensiero sul futuro del Napoli. Nel mirino ci sono il presidente De Laurentiis ma anche Ancelotti, al quale Bellinazzo fa una richiesta ben precisa.

Carlo Ancelotti
Carlo Ancelotti (Getty Images)

LEGGI ANCHE – Ancelotti al Tottenham: perché è saltata

La ricetta di Bellinazzo sul futuro del Napoli

L’analisi di Bellinazzo per salvare la stagione del Napoli parte dalle tanto discusse multe che De Laurentiis vorrebbe comminare ai giocatori dopo l’ammutinamento contro il ritiro. Multe che secondo il giornalista non dovrebbero superare il 5% dello stipendio per “dimostrare fermezza ma aprire al “dialogo”; se qualcuno si rivolge al collegio sindacale (entro questo limite è il calciatore a dover attivare l’iter) però va fuori squadra”. Quindi lo stesso Bellinazzo chiede al presidente di decidere se continuare a investire nel Napoli o passare la mano: “La società così com’è non può reggere a certi livelli; investa e trasformi il Napoli in un’azienda (con impianti e governance) internazionale oppure venda a un prezzo equo; galleggiare in questo calcio significa affondare”.


Infine ce n’è anche per Ancelotti: “Un allenatore come Ancelotti deve essere il manager sportivo della squadra; a Napoli non ha campioni da gestire; per colmare il gap al Napoli servono un gioco e una determinazione al di sopra della media; se non è in grado di infonderli si faccia da parte per rispetto alla sua storia. E risolva gli equivoci familiari su chi comanda. Non più alibi a nessuno”. De Laurentiis ed Ancelotti, insomma, ma anche i giocatori. Al Napoli nessuno è più intoccabile: parola di Bellinazzo.