Home Rubriche Di Lorenzo, 4 motivi per cui è “la chiave dell’acqua”

Di Lorenzo, 4 motivi per cui è “la chiave dell’acqua”

CONDIVIDI

Di Lorenzo ha conquistato in poco tempo il Napoli. Dalla Serie C ad Anfield: ecco i quattro motivi per cui è stato l’acquisto perfetto per Ancelotti

Di Lorenzo Napoli
Di Lorenzo (Getty Images)

Senza paura. Fino all’ultimo secondo senza mollare mai: in sintesi è stata questa la prestazione di Giovanni Di Lorenzo ad Anfield contro il Liverpool. Una gara interpretata alla perfezione in un ruolo non propriamente suo. L’ex terzino dell’Empoli si è dimostrato così all’altezza della situazione diventando subito imprescindibile per la tipologia di gioco per Carlo Ancelotti. In primis, il prodotto del settore giovanile della Reggina è molto duttile e sa giocare in ogni posizione come ha ampiamente dimostrato in questa prima parte di stagione. Da terzino destro a quello mancino passando per ala destra al posto di Callejon: Di Lorenzo è mortifero negli inserimenti senza palla ed è molto bravo nel dominare la palla tecnicamente. Inoltre, lo stesso laterale azzurro non soffre la competizione ed ha conquistato in poco tempo anche la maglia della Nazionale italiana con il ct Roberto Mancini che proverà ad inserirlo nella lista tra i convocati per Euro2020. La sua chiamata passerà attraverso le prestazioni che collezionerà con la compagine partenopea, un motivo in più per aspettarsi un miglioramento costante durante i prossimi mesi.

Di Lorenzo, dalla tecnica sopraffina al valore dei sacrifici

Testa sulle spalle ed uomo valoroso: un altro motivo per cui Ancelotti punterà su di lui per cercare di risalire velocemente in classifica e per continuare a cullare il sogno Champions. Di Lorenzo ha dimostrato di non aver alcun timore reverenziale sembrano un giocatore veterano. L’allenatore di Reggiolo, subito, si è fidato di lui fin dal primo giorno dal suo arrivo. Conosce il valore dei sacrifici visto che fino a poco tempo fa militava in Serie C: Anfield è stato il coronamento di un sogno, ma non sembra essere finita qui. Infine, all’età di 26 anni si trova proprio nella maturazione definitiva per un calciatore: il Napoli ha anticipato le altre big italiane per aggiudicarsi in estate il futuro della squadra azzurra e dell’Italia. Uno studente modello che ha ancora tanta voglia di migliorare e di calcare palcoscenici sempre più importanti nella sua carriera.