Home Rubriche Esonero Ancelotti, la posizione del Napoli: ecco la sfida decisiva

Esonero Ancelotti, la posizione del Napoli: ecco la sfida decisiva

CONDIVIDI

Il Napoli non avrebbe intenzione di cambiare guida tecnica. Tutto si deciderà dopo la sfida di Champions contro il Genk: il possibile esonero Ancelotti

Esonero Ancelotti
Ancelotti (Getty Images)

In queste settimane in tanti stanno invocando l’esonero di Carlo Ancelotti. L’allenatore del Napoli è stato messo nel mirino per un possibile esonero, che potrebbe così essere la panacea di tutti i mali. Ma è proprio così? Come svelato da Sky Sport tutto si deciderà dopo l’ultima sfida dei gironi di Champions League: basta soltanto un punto per qualificarsi agli ottavi. Inoltre, nelle ultime ore il nome di Gennaro Gattuso sarebbe stato accostato con insistenza a Fiorentina e Napoli, le due compagini di Serie A che non stanno vivendo un buon momento di forma. L’allenatore calabrese avrebbe dare il suo consenso, ma non vorrebbe essere visto come un traghettatore. Ma la cosa certa è che l’intenzione della società partenopea sia quella di continuare con Ancelotti fino al termine della stagione per poi dirsi addio. Con gli addii di diversi calciatori, De Laurentiis sarebbe intenzione di aprire un nuovo ciclo. Un ciclo che non ha visto finora grandi successi, ma ha entusiasmato tanto i propri sostenitori soprattutto con il duello infinito con la Juventus, perso a poche giornate dal termine sotto la gestione Sarri. All’allenatore toscano, ora alla Juventus, è mancata soltanto la vittoria finale per coronare tre anni entusiasmanti.

Esonero Ancelotti, la squadra sembra svuotata

Dai calciatori a fine contratto ad un messaggio poco chiaro della società partenopea, Ancelotti non sembra aver dato alla formazione azzurra quel pizzico di esperienza che aveva tanto bisogno. Rispetto al passato le cose sono peggiorate, non avendo la possibilità di competere fino alla fine con la corazzata Juventus. Conte, per esempio, con l’Inter sta dimostrando di poter gareggiare con un duro lavoro di campo. Soltanto così si può limare il gap con rose attrezzate al massimo sui tre fronti. Il Napoli ha bisogno di una scossa decisiva con i giocatori che sembrano svuotati e poco lucidi per il momento negativo che stanno vivendo. E non si pensi al calciomercato invernale come un rimedio ai problemi esistenti: si farebbe davvero un grave errore. La rosa è competitiva, ma finora non sta rendendo come si deve per divergenze ormai note da tempo.