Home Napoli News AMARCORD – Juventus-Napoli 7-8 d.c.r: l’ultimo trofeo azzurro 5 anni fa

AMARCORD – Juventus-Napoli 7-8 d.c.r: l’ultimo trofeo azzurro 5 anni fa

CONDIVIDI

Era il 22 dicembre del 2014 quando a Doha, al termine di un lunghissimo Juventus-Napoli, gli azzurri di Benitez alzarono al cielo la Supercoppa italiana. 

Oggi pomeriggio Lazio e Juventus si giocheranno la Supercoppa italiana, primo titolo stagionale. Esattamente 5 anni fa fu proprio il Napoli a portare a casa l’ambito trofeo al termine di una super sfida mozzafiato contro i rivali di sempre bianconeri. A Doha gli uomini allenati all’epoca da Rafa Benitez uscirono vincitori al termine di una battaglia durata fino ai calci di rigore, senza alcuna esclusione di colpi. Era il 22 dicembre 2014 quando gli argentini Higuain e Tevez rubarono letteralmente la scena prima di lasciare la copertina di una serata memorabile ad un eroico Rafael Cabral.

Juventus-Napoli Supercoppa 2014: a 5 anni da un successo storico

Benitez per compiere l’impresa si affidò al solito 4-2-3-1 con Maggio, Albiol, Koulibaly e Ghoulam a difendere la porta del giovane Rafael. In mediana cerniera muscolare con Gargano e David Lopez per poter supportare un quartetto offensivo composto da Callejon, Hamsik, de Guzman e Higuain. Dopo appena 5 minuti è però la Juventus di Allegri a rompere l’equilibrio con Carlitos Tevez. La risposta azzurra si fa attendere oltre un’ora e porta la firma del ‘Pipita’ riagguantando un pari quasi insperato a metà ripresa. 1-1 alla fine dei regolamentari che porta le sfida ai 30 minuti supplementari. Con le squadre stremate è ancora l’Apache a portare avanti la truppa bianconera al 106′. Un gol che sembrava far calare definitivamente il sipario. La Juve non fece però i conti con Higuain che proprio all’ultimo respiro trovò la zampata vincente a 2 minuti dal 120′.

Juventus-Napoli supercoppa 2014
Juventus-Napoli supercoppa 2014 (Getty Images)

Nella lotteria il bomber argentino del Napoli cede il mantello da supereroe a Rafael che sventa l’ultimo calcio di rigore di Padoin regalando un successo storico alla compagine di Benitez.

JUVENTUS-NAPOLI 7-8
P.t. 1-0
TEMPI SUPPLEMENTARI 2-2
MARCATORI Tevez (J) al 5′ p.t.; Higuain (N) al 23′ s.t. Tevez (J) al 1′ del s.t.s., Higuain (N) al 13′ del p.t.s.
JUVENTUS (4-3-1-2) Buffon; Lichtsteiner (dal 33′ s.t. Padoin), Bonucci, Chiellini, Evra; Marchisio, Pirlo (dal 22′ s.t. Pereyra), Pogba; Vidal; Tevez, Llorente (dal 1′ s.t.s. Morata).(Storari, Rubinho, Padoin, Ogbonna, Mattiello, Romagna, Pepe, Giovinco, Coman). All. Allegri.
NAPOLI (4-2-3-1) Rafael; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Gargano, Da. Lopez (1′ p.t.s. Inler); Callejon, Hamsik (dal 33′ s.t. Mertens), De Guzman (dal 1′ s.t.s. Jorginho); Higuain. (Colombo, Andujar, Henrique, Britos, Mesto, Radosevic, Romano, Zapata, Luperto). All. Benitez.
ARBITRO: Valeri.
NOTE: spettatori 14 mila. Ammoniti Higuain (N), Pereyra (J), Callejon (N), Mertens (N), Ghoulam (N), Tevez (J). Recuperi: p.t. 1′; s.t. 2′; 0 p.t.s., 0 s.t.s.
SEQUENZA RIGORI Jorginho parato, Tevez palo, Ghoulam gol, Vidal gol, Albiol gol, Pogba gol, Inler gol, Marchisio gol, Higuain gol, Morata gol, Gargano gol, Bonucci gol, Mertens parato, Chiellini parato, Callejon parato, Pereyra alto, Koulibaly gol, Padoin parato.