Home Napoli News Napoli-Fiorentina, Gattuso infuriato nel post-partita: il motivo

Napoli-Fiorentina, Gattuso infuriato nel post-partita: il motivo

CONDIVIDI

Ancora una sconfitta per il Napoli. Rino Gattuso ha rilasciato alcune dichiarazioni nel post-partita: ecco tutte le parole dell’allenatore calabrese

Gattuso Napoli Fiorentina
Gattuso (Getty Images)

Il Napoli non sa più vincere. Brutto periodo in casa azzurra con un’altra sconfitta rimediata dalla compagine partenopea davanti al proprio pubblico. Contro la Fiorentina termina 0-2 con le reti di Chiesa e Vlahovic. Rino Gattuso, che si è intrattenuto negli spogliatoi con i calciatori come svelato da Sky Sport, è intervenuto nel post-partita ai microfoni di DAZN: “Siamo privilegiati, facciamo un lavoro che non è manco un lavoro. Basta cercare alibi. Sembrano undici che stamattina si sono conosciuti e si sono messi la maglia addosso. Nel primo tempo abbiamo fatto qualcosina. Dobbiamo chiedere scusa ai tifosi e alla città, è stata una prestazione imbarazzante. Per un allenatore è difficile spiegare quest’involuzione. Nelle ultime gare abbiamo fatto prove migliori, oggi qualcosina solo per 20-25 minuti. Siamo stati inguardabili”.

LEGGI ANCHE >>> Napoli-Fiorentina 0-2, non accadeva dal 2000: il dato inquietante

Napoli-Fiorentina, la rabbia di Gattuso

Gattuso Napoli Fiorentina
Gattuso (Getty Images)

Lo stesso allenatore del Napoli ha aggiunto: “Durante la settimana vedo una squadra viva e che riesce a fare cose buone. In partita siamo piatti, non proviamo a fare nulla. Gli avversari in area senza problemi. Nella manovra non ha funzionato nulla: non ho parole per spiegare la partita di questa sera. Sono deluso, pensavo di far una buona prova. La squadra è ancora malata”. Infine Gattuso ha svelato dettagli importanti sul possibile sviluppo del gioco: “Insigne e Callejon devono giocare vicini a Milik: oggi non è mai successo. Bisogna sviluppare in maniera diversa, non fare sempre le stesse giocate. C’è da rivedere tantissime cose, stiamo facendo grandissima fatica”.