Home Napoli News Barcellona-Napoli al ‘Camp Nou’, De Laurentiis: “Non capisco”

Barcellona-Napoli al ‘Camp Nou’, De Laurentiis: “Non capisco”

CONDIVIDI

Barcellona-Napoli secondo le ultime indicazioni dell’UEFA si giocherà regolarmente al ‘Camp Nou’ ma De Laurentiis non ci sta.

Niente campo neutro. Nonostante i nuovi focolai in Spagna, l’UEFA non arretra e conferma che il ritorno degli ottavi di Champions League tra Barcellona e Napoli in programma sabato 8 agosto si giocherà regolarmente al ‘Camp Nou’, seppure ovviamente a porte chiuse.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Barcellona-Napoli: no al campo neutro

Barcellona-Napoli, dubbi sulla sede: De Laurentiis non ci sta

Una scelta questa che fa discutere e non trova d’accordo il presidente Aurelio De Laurentiis, intervenuto sulla questione a margine della riunione di Lega: “Se hanno detto che la Champions si fa in Portogallo e l’Europa League in Germania, credo che anche per gli ottavi possiamo andare in Portogallo o in Germania. Non capisco perché rimanere in una città che presenta grosse criticità. Sarà una grande partita, ma io telefono, io parlo, io chiedo: è molto imbarazzante. Sento arrivare dalla Spagna delle grandi perplessità e paure e loro, dalla UEFA, fanno finta di nulla. Che ci vuole a dire che non si va a Barcellona ma in Portogallo, in Germania, a Ginevra. E’ come se stessimo a scuola: alla UEFA non c’è nessuno che sa fare impresa coi soldi nostri”. Secondo l’emittente catalana ‘RAC1’, l’UEFA in realtà avrebbe chiesto garanzie al Dipartimento della Salute locale ma proprio poche ore fa la stessa UEFA ha confermato che la gara si giocherà regolarmente a Barcellona.

De Laurentiis Napoli
De Laurentiis Napoli (Getty Images)

De Laurentiis a tutto campo tra campionato e mercato

Riguardo alla data di inizio del prossimo campionato, invece, De Laurentiis si dice certo che sia destinata a slittare per evidenti ragioni: “Gravina mi ha sempre detto: è una follia partire il 12 settembre. Ci sono le partenze alla fine di agosto per le nazionali e poi ci sono cinque società impegnate in Europa chissà fino a quando. Poi dobbiamo dare almeno dieci giorni di riposo ai calciatori e poi, appunto, le nazionali. E allora quando facciamo il ritiro? Il problema è che gli impiegati devono fare gli impiegati e gli imprenditori gli imprenditori. La politica se non pensa all’economia, farà sempre acqua”. Infine non poteva mancare una battuta sull’ormai imminente acquisto di Osimhen: Per il mio tweet aspettate qualche giorno…”. L’accordo d’altronde è già stato trovato e sono arrivate pure le firme sui contratti. Non resta che attendere, appunto.