Home Napoli News Ancelotti ricorda il periodo al Napoli: “Esperienza dolorosa”

Ancelotti ricorda il periodo al Napoli: “Esperienza dolorosa”

CONDIVIDI

I ricordi sulla panchina del Napoli e il giudizio sul suo ‘allievo’ Gattuso: Carlo Ancelotti ripercorre le tappe del suo percorso azzurro.

Gattuso Ancelotti
Gattuso e Ancelotti (Getty Images)

Le strade di Carlo Ancelotti e del Napoli si sono divise ormai da tempo: è passato quasi un anno da quel 10 dicembre 2019 quando, Aurelio De Laurentiis, decise di sollevare dall’incarico il tecnico di Reggiolo dopo un netto 4-0 rifilato al Genk in Champions League, faccia felice della medaglia che comprendeva anche il pessimo rendimento offerto in campionato (20 punti ottenuti in 15 giornate). Un divorzio quasi inevitabile e, col senno di poi, benefico per entrambe le parti: il Napoli ora è felice con Gattuso, lo stesso Ancelotti sta dando vita ad un progetto più che ambizioso all’Everton in Inghilterra.

Il 61enne allenatore è intervenuto alla trasmissione ‘Tiki Taka’ in onda su Italia 1: inevitabili le domande sulla sua esperienza in azzurro, conclusasi bruscamente e dopo il famoso episodio dell’ammutinamento della squadra che inasprì ulteriormente l’ambiente. Ecco le parole di Ancelotti: Napoli e Juventus sono entrambe delle esperienze dolorose che però passano in un attimo. Possiamo soltanto guardare avanti. Alla fine, però, prevarranno sicuramente i ricordi belli su quelli negativi. Il calcio è e sarà una mia grande passione, ma nella vita ci sono cose più importanti: soprattutto in questo periodo difficile”.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ricorso su Juventus-Napoli: slitta il verdetto della Corte d’Appello

Il Napoli, Gattuso e Pirlo: Ancelotti a ruota libera

Ancelotti ha avuto modo anche di soffermarsi sulle avventure in panchina di due suoi ex giocatori, Gattuso e Pirlo, rispettivamente alla guida di Napoli e Juventus: Rino ha carattere, le sue esperienze le ha fatte e mi aspettavo che riuscisse a fare un ottimo lavoro. Andrea non ha bisogno di consigli ma, se devo dargliene uno, è questo: se proprio deve affondare lo faccia con le sue idee e non con quelle degli altri”.