Home Napoli News Napoli, le certezze ritrovate: dal 4-3-3 alla prestazione dei singoli

Napoli, le certezze ritrovate: dal 4-3-3 alla prestazione dei singoli

CONDIVIDI

Gattuso può dirsi soddisfatto dopo la prova contro la Roma: il Napoli ha ritrovato sé stesso con il suo modulo classico, ma soprattutto ha ritrovato molti dei suoi calciatori.

napoli modulo
Mertens, Fabian, Insigne ed Elmas (GettyImages)

La chiesa al centro del villaggio. Lo diceva Garcia quando allenava la Roma 7 anni fa. In Francia si usa per definire “le cose che si rimettono a loro posto”. Adesso quest’espressione può tornare cara a Gattuso e al suo Napoli che proprio contro la Roma ha ritrovato le certezze che mancavano. Questione di contingenze, complici le assenze di Bakayoko e Osimhen che hanno imposto un ritorno all’antico.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ritorno al vecchio modulo: Gattuso ha trovato il suo Napoli

Napoli-Roma, Gattuso si è affidato al vecchio modulo: comincia la fase 2

napoli
L’esultanza del Napoli (GettyImages)

Contro la Roma, il Napoli ha schierato un 4-3-3, se proprio vogliamo buttarla sui freddi numeri, ma molto più fluido del solito. Zielinski finalmente recuperato e che che spesso si alternava con Fabian a supporto degli attaccanti e beneficiavano entrambi della presenza l’uno dell’altro, come accadeva spesso lo scorso anno. Insigne sempre più leader, Demme ritrovato, difesa impenetrabile e Mario Rui ai suoi livelli migliori. Infine, la porta inviolata. Non tanto per meriti di Meret, quanto per la solida prestazione di Koulibaly e soprattutto Manolas.

Ora va trovato un assetto anche con i due grandi assenti, Bakayoko e Osimhen, fra i migliori in questo inizio di stagione e difficilmente sostituibili. La rosa è profonda, le alternative sono tante. Ora Gattuso può pensare a un assetto versatile, alternando moduli e giocatori a seconda di chi ha di fronte, per togliere punti di riferimento agli avversari e perfezionare la fase 2 del suo nuovo progetto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Stadio Diego Armando Maradona: il San Paolo cambia nome