Emerson-Napoli, si può fare: grazie alle cessioni degli esuberi

0
50

Il Napoli non perde di vista Emerson Palmieri: il tesoretto per l’affondo col Chelsea potrebbe arrivare dagli addii di secondo piano.

Napoli Emerson Palmieri calciomercato
Emerson Palmieri con la maglia del Chelsea (Getty Images)

Il Napoli continua la ricerca di un esterno sinistro e i radar sembrano essersi definitivamente posati su un profilo in particolare: Emerson Palmieri resta il preferito per tanti motivi, uno su tutti il grande rapporto con Luciano Spalletti che ai tempi della Roma produsse un effetto positivo per la carriera dell’italo-brasiliano. Se il gradimento partenopeo è cosa nota, è altrettanto conosciuta la resistenza del Chelsea: i londinesi non svenderanno un giocatore da poco laureatosi campione d’Europa con l’Italia e per concedergli il via libera a partire servirà l’offerta più congrua possibile al suo valore.

Con 20 milioni di euro i ‘Blues’ potrebbero accontentarsi, cifra non banale in un mercato segnato dall’austerity: il ds Giuntoli dovrà dunque aguzzare l’ingegno e, come riferito dal ‘Corriere dello Sport’, districarsi con agilità per piazzare i vari esuberi che non rientrano nei piani di Spalletti. Tutino è ricercato da Salernitana e Parma, mentre per Ounas si è mosso anche il Marsiglia dopo Venezia e Torino. Da valutare le posizioni di Luperto e Gaetano, rientrati dopo i prestiti al Crotone e alla Cremonese. Contini è destinato a salutare per approdare in una piazza che gli consenta di mettersi in mostra, Palmiero andrà in prestito.

FORSE POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Il ‘Maradona’ non sarà inaugurato, De Magistris: “Ricordo formale”

Emerson al Napoli: l’ottimismo è destinato a crescere

Operazioni sulla carta minori che dovrebbero bastare per racimolare il gruzzolo richiesto dal Chelsea per Emerson Palmieri e regalare a Spalletti l’esterno di cui ha tanto bisogno sulla fascia sinistra. Fare affidamento sui soli Mario Rui e Ghoulam sarebbe un azzardo troppo grande, perplessità giustificate soprattutto dall’incognita fisica relativa all’algerino che ha passato più tempo in tribuna che in campo negli ultimi anni.